La connettività cloud di Equinix sbarca a Milano

Equinix Cloud Exchange, soluzione avanzata per l’interconnessione on demand e l’accesso diretto e privato a più fornitori di cloud della californiana Equinix, sarà disponibile a partire da settembre anche a Milano.

Lo ha annunciato l’International business exchange e colocation datacenter provider di Redwood che, dopo aver portato nel 2015 Equinix Cloud Exchange nei mercati di Londra, Francoforte, Amsterdam e, nel 2016, a Parigi e Zurigo, è ora pronta a sbarcare, oltre che nel capoluogo lombardo, anche a Dublino e a Stoccolma.

Equinix Cloud Exchange_2Obiettivo: supportare le aziende europee in fase di trasformazione digitale e permettere alle aziende globali di organizzare simultaneamente soluzioni ibride e multi-cloud attraverso più location ottenendo su scala mondiale le prestazioni e la sicurezza di cui hanno bisogno per competere, senza utilizzare l’Internet pubblico o una Wan privata.
Inoltre, l’allargamento ai nuovi mercati permetterà di fornire una maggiore flessibilità per individuare i carichi di lavoro su cloud delle aziende e i dati in tutta la region, in base alle esigenze di business e alle normative locali.

Un ecosistema cloud di oltre 500 fornitori Csp e soluzioni SaaS

Equinix_cloud-exchangeEquinix Cloud Exchange offre, infatti, connessioni dirette e private ai principali Cloud service provider, tra cui AWS, Google Cloud Platform, IBM SoftLayer, Microsoft Azure ExpressRoute e Office 365, Oracle Cloud e Salesforce: un approccio interconnesso utile a consentire alle aziende di incrementare le prestazioni delle applicazioni cloud, ridurre la latenza, scalare e migliorare il controllo della rete e della visibilità.

Da qui la scelta di espandere il servizio anche a Milano, cuore economico e finanziario d’Italia, nonché terza più grande economia della zona euro, che con il cloud mostra di avere più di un’affinità. Stando, infatti, ai dati Eurosat, ben il 40 per cento delle aziende italiane utilizzano il cloud computing rispetto a una media europea ferma al 19 per cento.

Proprio in considerazione dell’enorme potenziale dell’economia digitale ancora sottoutilizzata nel Vecchio Continente, secondo quanto dichiarato dalla Commissione europea, secondo cui il 41 per cento delle aziende non sono digital e solo il 2 per cento sfrutta appieno le opportunità digitali, Equinix ha annunciato l’intenzione di rendere Cloud Exchange disponibile in 24 mercati entro la fine del 2017.
Equinix_Roadmap

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here