JBoss punta sul contenitore middleware

L’idea dello stack open source si basa sull’unione di tecnologie già disponibili per proporre una gestione completa delle applicazioni.

Si compongono i dettagli dell'offerta middleware open source targata Jboss. E si tratta di dettagli di non poco conto, dato che in questo carniere è contenuto uno stack tecnologico di deployment e integrazione delle applicazioni Java a 360°.


La suite riunisce, è vero, tecnologie in larga parte già disponibili, ma la novità sta nel fatto che esse saranno offerte per la prima in modo unitario, presumibilmente con un supporto comune e con procedure unificate di installazione.


JBoss Enterprise Middleware System (Jems), così è stato chiamato il framework, si compone del Web server Tomcat (targato Apache) e di varie porzioni realizzate da Jboss: ovviamente l'application server, poi JBoss Cache, jBpm (Java business process management) e JBoss Portal, quest'ultimo non ancora disponibile in versione definitiva. Nella lista figura anche il software Hibernate per il mapping relazionale-a oggetti.


Come comun denominatore, lo stack offre il microkernel JBus, deputato a supportare le comunicazioni tra differenti protocolli, la gestione e l'hosting dei servizi. Jems apporterà anche un enterprise service bus, atteso per la fine del prossimo anno, costituito dalla piattaforma di integrazione della società.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here