Java cerca ancora il successo nell’enterprise

Si e aperta la JavaOne Conference a San Francisco. E Sun, al di la delle aperture mostrate sul fronte della standardizzazione, ha cercato di ridare smalto alla versione Enterprise del proprio linguaggio. A supportarla, nientemeno che Ibm.

Si è aperta a San Francisco l'annuale edizione della JavaOne
Conference, sulla quale già ieri Linea Edp On Line aveva fornito
x-link
qualche anticipazione; 001; A; 05-06-2000
x-fine-link
.Al di là delle aperture mostrate verso una standardizzazione più
"neutra" del linguaggio, molta attenzione, all'esordio, è stata posta
sugli sviluppi verso il mondo enterprise. Per convincere gli
sviluppatori a creare più applicazioni dedicate al business, Sun ha
annunciato la futura disponibilità di componenti Ejb (Enterprise
JavaBeans) precostruiti, che forniranno specifici elementi di
business, come, ad esempio, l'autorizzazione a prelevare dalla carta
di credito per l'e-commerce. Che ci sia attesa su questo fronte,
peraltro, è stato dimostrato dagli oltre mille sviluppatori che hanno
aderito a un seminario su come convertire la proprietà intellettuale
in Enterprise JavaBeans commerciali.
A supporto di Sun, e anche un po' a rubarle la scena, è arrivata
nientemeno che Ibm, che ha presentato WebSphere Business Components,
un toolset che dovrebbe aiutare a velocizzare lo sviluppo di
applicazioni Web nei settori del supply chain management e del Crm. I
nuovi componenti dovrebbero essere rilasciati più avanti nell'anno,
ma versioni di anteprima sono accessibili il sito AlphaWorks di Ibm.
Primo target di questa "fetta" di WebSphere sarà l'industria dei
servizi finanziari. Di fatto, quest'uscita di Ibm sancisce un altro
passo verso il tramonto del progetto San Francisco, a vantaggio di
una migrazione di quanto fin qui realizzato proprio verso Ejb.
WebSphere Business Components rappresenta una versione verticalizzata
del framework Java originariamente immaginato da Big Blue. Per la
migrazione integrale, comunque, occorrerà attendere ancora parecchio
tempo (non prima del 2001). Peraltro, le opportunità in questo campo
sono notevoli, se si presta fede al Giga Information Group, il quale
ha stabilito che il valore del mercato dei componenti business Ejb
varrà a fine anno circa 200 milioni di dollari, ma salirà fino a
quasi 2 miliardi entro il 2003.
Altre aziende si stanno muovendo lungo lo stesso crinale.
Inprise/Borland, per esempio, ha presentato AppCenter 4.0, set di
strumenti per gestire componenti, server e contenitori Ejb. Nel
prodotto di application management è contenuto anche Application
Server 4.1, che integra migliorie come l'interfaccia multiple user e
il supporto transazionale.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here