It consumerization: istruzioni per l’uso

Manager_riunioneNella nuova era dell’end user computing, caratterizzata da dispositivi e app user-centric onnipresenti anche in azienda, la sfida cui gli It manager sono chiamati è di permettere agli utenti di fare di più, gestendo costi, rischi e conflitti.

Ne è convinta Vmware, secondo cui, guidato dalle esigenze degli utenti finali, molto più disposti e capaci rispetto al passato di chiedere le tecnologie con cui si sentono maggiormente produttivi e a proprio agio per lavorare in modo veloce ed efficace, l’It deve, per prima cosa, arrivare a una decisione comune sull’infrastruttura e sulle tecnologie da adottare perché l’impresa resti competitiva.

Resistendo alle differenze culturali e alle pressioni interne a opera delle diverse business unit, vanno create strategie It di lungo periodo in grado di mettere insieme richieste di business ed esigenze degli utenti.
Ma non solo.
Sempre secondo Vmware, per essere competitive le aziende devono investire in nuove tecnologie capaci di supportare le esigenze delle moderne organizzazioni, che non richiedono ai Cio solo di ridurre i costi ma anche di gestire nuovi modelli di responsabilità.

Scegliendo di spendere in innovazione e non solo nella manutenzione dell’infrastruttura esistente, i Cio possono evitare la spiacevole conseguenza di cercare di mantenere lo status quo nel desktop computing.

Infine, nell’era dell’end user computing, il valore di business generato dall’It non riguarda solamente budget risparmiati ma offre una stima quantificabile di benefici meno tangibili, quali migliorata customer satisfaction, accesso puntuale alle informazioni, aumento nella produttività a seguito dell’introduzione di una modalità di lavoro mobile o da remoto.

L’invito di Vmware ai numerosi team It ancora cauti nell’adozione delle nuove opportunità per paura di aumentare costi e rischi, è di ricorrere a soluzioni per la virtualizzazione dei desktop e delle applicazioni, a framework mobile, così come a nuovi strumenti di gestione e portali per end user che, sempre secondo il vendor, consentirebbero una maggiore libertà all’utente e al tempo stesso un maggiore controllo all’It.
Lo testimonia, tra gli altri, la scelta della società internazionale di autonoleggio Hertz, spostatasi di recente su una infrastruttura di desktop virtuali per portare il servizio clienti dal centro innovazione di Dublino in più di 5mila location in Europa.
Risultato? I problemi dell’helpdesk si sono ridotti di oltre il 30% mentre il ciclo di vita dei dispositivi desktop è raddoppiato da 5 a 10 anni con l’utilizzo dei thin client e di Vmware Horizon.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome