Israele è il laboratorio delle auto a guida autonoma

La scena è occupata dai big dell’automotive e dai colossi della Silicon Valley che in collaborazione e in concorrenza fra loro portano avanti i programmi sulle auto a guida autonoma.

Dietro di loro però ci sono altre aziende che nel silenzio lavorano lavorano per fornire le tecnologie essenziali per il funzionamento delle driverless.

Israele è, manco a dirlo, la terra di elezione, di queste startup. Negli ultimi anni, il numero di aziende che lavorano sul veicolo autonomo è esploso. Nel 2013, l' associazione di categoria Ecomotion contava 87 startup attive nel settore del trasporto intelligente, il 35% delle quali specializzato in veicoli autonomi. Oggi ne esistono 520.

La maggior parte di queste società si concentra nell’ambito BtoB e sviluppa tecnologie di guida autonome, sensori e sistemi di visione computerizzati che consentono al veicolo di orientarsi nello spazio o nelle soluzioni di cybersecurity.

Li vendono poi a coloro che provano veicoli autonomi o cominciano a integrare l'autonomia nei loro veicoli di produzione: case automobilistiche, aziende tecnologiche e Oem come Bosch, Magna o Delphi.

La tecnologia driverless di Mobileye

Il nome più noto è Mobileye. Sviluppa sensori e tecnologie di visione computerizzate per sistemi di assistenza alla guida e veicoli autonomi. Intel ha acquistato l'azienda nel marzo 2017 per 15 miliardi di dollari, di gran lunga la più grande acquisizione nella storia di Israele. Amnon Shashua, co-fondatore, presidente e direttore tecnico di Mobileye, è stato nominato alla guida dell'intero programma di auto autonoma di Intel, ora basato in Israele. Mobileye, fondata nel 1999, è un player particolarmente maturo, ma anche startup più giovani stanno sviluppando forti relazioni con l'industria automobilistica.

Innoviz sta sviluppando una nuova generazione di Lidar, uno dei sensori necessari per una guida autonoma più economica e compatta rispetto alle versioni precedenti. La startup, il cui primo prodotto dovrebbe essere lanciato all' inizio del 2018, ha ricevuto investimenti da Magna e Delphi. Questi società stanno già utilizzando i sensori di Innoviz per testare i loro veicoli autonomi e integreranno i suoi prodotti nelle loro offerte alle case automobilistiche. Sullo stesso modello di collaborazione con produttori e produttori di apparecchiature, Adasky prepara una termocamera, in grado di rilevare da altri sensori quando sono inefficaci (notte, cattivo tempo...).

Altre startup da citare sono Cognata, che sviluppa software per simulare i viaggi dei veicoli autonomi al fine di addestrare la loro intelligenza artificiale, i sistemi di comunicazione tra i veicoli e alla smart city di Autotalks, così come gli specialisti in cybersecurity di Karamba Cybersecurity e Argus Cybersecurity. Per avvicinarsi a questo ecosistema innovativo, Renault, Daimler e Gm hanno aperto centri di ricerca e sviluppo in Israele. La maggior parte degli altri produttori hanno anche stabilito una presenza nel paese per identificare talenti e aziende da acquisire. Come Ford, che l' anno scorso ha messo le mani su Saips e la sua tecnologia di visual computing.

Non sappiamo fare automobili

La cosa più interessante di questo germogliare è che storicamente il settore automobilistico in Israele è stato quasi inesistente. Come si spiega questo successo? Prima di tutto perché Israele è abituato a questo tipo di mercato", dice Dror Meiri, vice presidente di AdaSky responsabile dello sviluppo del business.

"L'industria tecnologica israeliana ha una vasta esperienza nella fornitura di tecnologie BtoB all'avanguardia alle aziende internazionali. E nell'industria automobilistica, tutta l' innovazione oggi si basa sulla tecnologia. Inoltre, non abbiamo un patrimonio industriale da proteggere: non sappiamo fare automobili come Detroit e Stoccarda".

Tutte queste competenze provengono dallo stesso luogo: l'esercito israeliano e le sue potenti unità tecnologiche. Il co-fondatore di Innoviz Oren Rosenzweig ha trascorso sette anni in un'unità tecnologica d'élite di Tsahal (l’esercito israeliano), dove ha incontrato gli altri fondatori della società. "È probabilmente la migliore scuola israeliana per la progettazione di sistemi elettro-ottici. Ci ha aiutato molto nello sviluppo del nostro sensore Lidar".

La situazione delle imprese di autotrasporto autonome è un po' simile a quella del settore israeliano della cibersicurezza, spinto dalle esigenze militari del paese, conferma Oren Rosenswzeig. "Questi sono ingegneri alla ricerca di applicazioni civili per ciò che hanno imparato nell' esercito". Adasky, i cui due leader hanno un background tecno-militare, è un buon esempio. L'avvio è stato il risultato di uno spin-off di un' azienda che aveva già sviluppato termocamere per l' industria militare, prima di realizzare il loro potenziale nel veicolo autonomo.

Le startup israeliane sono quindi ben posizionate per catturare parte del valore di mercato dei veicoli autonomi. "Alcuni, come Mobileye e Argus, sono maturi e cresciuti al punto da poter rifornire l' industria automobilistica in tutto il mondo", afferma Mathieu Noël. "Le start-up autonome di autopilota competono con le soluzioni offerte da produttori di apparecchiature come Bosch e Valeo".

A volte riescono a fare a meno dei produttori di apparecchiature e vendono le loro tecnologie direttamente ai produttori, ma spesso ne hanno ancora bisogno", dice il consulente. "Questi giovani germogli non hanno la capacità di integrare i loro sistemi nei veicoli come fanno gli Oem". Il tempo dirà se gli israeliani diventeranno attori influenti nell' industria automobilistica o semplicemente il loro laboratorio di ricerca e sviluppo.

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here