IoT da mettere al sicuro subito, per evitare un futuro distopico

Bisogna mettere subito al sicuro l' IoT, altrimenti rischiamo un futuro distopico. Il monito viene da un nuovo rapporto realizzato da F-Secure che sostiene che le carenze di sicurezza dei dispositivi collegati a Internet di oggi diventeranno più diffuse se non si interverrà immediatamente.

Nella sua forma attuale, dice il rapporto del Cyber Security Research Institute, l' IoT rappresenta una notevole minaccia per i consumatori a causa di normative inadeguate in materia di sicurezza e privacy.

Si raccomanda un'azione rapida per evitare un percorso prevedibile verso un futuro distopico.

Con il numero di dispositivi connessi che ora probabilmente supera la popolazione umana della Terra, l' IoT è già quasi ineludibile.

Milioni di dispositivi collegati sono già stati compromessi per poter utilizzare una parte della  botnet Mirai.

Molti consumatori non sono consapevoli dei rischi inerenti i loro dispositivi collegati e  produttori spesso lanciano i prodotti sul mercato senza considerare i requisiti e le impostazioni di sicurezza fondamentali.

"Questa situazione potrebbe creare uno scenario spaventoso a causa dell'adozione massiccia di dispositivi IoT non sicuri", afferma il rapporto del Csri.

Ogni giorno vengono messi online milioni di nuovi dispositivi, ma i consumatori non sono ancora generalmente consapevoli che i loro nuovi apparecchi intelligenti andranno online.

"Domani quasi tutti i dispositivi domestici saranno online e saranno in gran parte invisibili all'utente finale come dispositivi intelligenti", afferma Mikko Hypponen, Chief Research Officer di F-Secure. "Assomiglieranno a dispositivi muti - prosegue - ma invece saranno dispositivi intelligenti anche se non offriranno alcuna caratteristica al consumatore, perché il vero motivo per cui devono essere online sarà per loro di riferire  alla società che ha costruito il dispositivo".

Le leggi della domanda e dell'offerta non hanno ancora prodotto un IoT costruito per il futuro. Se i consumatori non esigono sicurezza, i produttori non la metteranno mai in cima alla lista. Tuttavia, data la straordinaria dipendenza che la società è destinata a sviluppare da miliardi di strumenti dell' IoT, è probabile che i governi debbano intervenire per esigere requisiti di sicurezza.

Secondo il rapporto, oltre a educare i consumatori sui rischi dei dispositivi IoT esistenti, come sembra che gli Stati Uniti siano pronti a fare, i governi devono anche affrontare la qualità della tecnologia messa nelle mani e nelle case dei consumatori, trova il rapporto.

I produttori dovrebbero essere regolamentati per garantire che i prodotti immessi sul mercato non siano privi di misure di sicurezza o privacy.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here