Intelligenza artificiale nei negozi per battere l’ecommerce

Carrello retailer

Portare l’innovazione digitale nei negozi è una strada che si cerca di percorrere da tempo per contrastare il successo crescente del commercio online: anche qui l’intelligenza artificiale gioca un ruolo importante.
E lo si è visto all’ultima edizione del NRF retail di New York.

Avere i prodotti giusti al momento giusto, evitare le scorte e migliorare la gestione del magazzino con intelligenza artificiale è la promessa di Vekia.

Questa azienda offre una soluzione in modalità SaaS per gestire la logistica attraverso l'apprendimento automatico. Spesso infatti i rivenditori gestiscono le loro scorte in modo tradizionale e manuale con Excel. Con questa soluzione i dati vengono raccolti, incrociati con i dati provenienti da social network, marchi, blog, partner o il tempo. E si pianifica gli ordini il più vicino possibile a ciò che è necessario.

L'importanza dell' intelligenza artificiale

La Reverse logistics automatizza la gestione dei resi. Il suo obiettivo: alleggerire il carico di lavoro dei dipendenti e risparmiare tempo, soprattutto nel punto vendita. La sua soluzione collega tutti gli operatori commerciali, dal cliente al fornitore, al vettore e al centro riparazioni, alla sua piattaforma logistica inversa. A monte della visita del negozio, questa piattaforma analizza automaticamente il motivo della restituzione tramite i moduli online. Che si tratti di un problema di consegna, di una richiesta di ritiro o di un uso improprio del prodotto. A breve termine l’obiettivo è di creare un chiosco che faccia questo lavoro nei negozi.

Akeneo aiuta i distributori con informazioni sui prodotti. L’obiettivo è di fornire ai rivenditori le stesse informazioni del commercio elettronico e nei punti vendita. In altre parole, questa gestione delle informazioni di prodotto invia dati a tutti i canali di vendita. Permette inoltre di raggruppare le traduzioni in lingue diverse sulla stessa interfaccia. Perché l’idea è che prima di parlare di chatbot, social shopping o commercio conversazionale, bisogna partire dalle nozioni di base: informazioni chiare e di qualità sui prodotti, che siano controllate e coerenti con l' esperienza del cliente.

Fellow Robots utilizza i robot per scansionare l'inventario all'interno del negozio e coinvolgere i clienti in nuovi modi, ad esempio fornendo indicazioni per la localizzazione di prodotti specifici in un negozio, e fornisce anche strumenti per le informazioni di inventario in tempo reale.

Findmine aiuta i clienti a decidere cosa indossare agendo come uno stilista personale e scegliendo solo le giuste raccomandazioni di prodotto tra migliaia di articoli online. Findmine ha creato un algoritmo che serve oltre 11 milioni di outfit di tutti i giorni attraverso siti web e-commerce e mobile e canali di marketing come Facebook messenger e campagne e-mail. Gli acquirenti vogliono consigli non solo su cosa comprare, ma anche in modo specifico sui suggerimenti di articoli che funzioneranno veramente per loro nella vita. E quando si mostra ai clienti come utilizzare ciò che stanno acquistando saranno disposti a spendere molto di più. Findmine utilizza i dati per determinare il miglior outfit da suggerire a un cliente che sia di marca, in stock e stagionalmente appropriato, indipendentemente da ciò che il cliente sta comprando.

Profitect offre una soluzione analitica che mostra ai rivenditori cosa funziona bene e cosa no. La tecnologia di Profitect notifica quindi al rivenditore in termini molto semplici come risolvere o migliorare i problemi, o come replicare e migliorare ciò che funziona.

Se uno scaffale di un negozio è vuoto Profitect identificherà il problema utilizzando le statistiche e l'apprendimento della macchina in modo e invierà a un manager una e-mail con le istruzioni per riempire la posizione con un articolo specificato. La soluzione d'inventario di profitect può aiutare i rivenditori a migliorare l'accuratezza dell'inventario, la disponibilità a magazzino dei prodotti, l'adeguamento dell'inventario fisico, la qualità del fornitore e le interruzioni dell'esecuzione operativa, aiutandoli nel contempo a ridurre le scorte fuori magazzino, i tassi di danno e le perdite.

 

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here