Intelligenza artificiale conversazionale Microsoft Bot

Microsoft ha annunciato di aver siglato un agreement per l’acquisizione di Xoxco, con l’obiettivo di accelerare nello sviluppo di intelligenza artificiale conversazionale.

Xoxco è infatti uno studio di progettazione e sviluppo software noto per le sue competenze nello sviluppo di intelligenza artificiale. Soprattutto, Xoxco è specializzata nello sviluppo di bot e interfacce utente conversazionali.

La società lavora sull’intelligenza artificiale conversazionale sin dal 2013. È a questo team di sviluppo che si deve la creazione di Howdy e di Botkit.

Howdy è il primo bot add-on per Slack disponibile in commercio, per aiutare a pianificare le riunioni. Botkit, a sua volta, fornisce gli strumenti di sviluppo per creare bot, utilizzati da centinaia di migliaia di sviluppatori.

Microsoft e Xoxco, una partnership collaudata

Microsoft sottolinea di aver collaborato con Xoxco nel corso degli anni e di essere stata ispirata da questa partnership. L’obiettivo ora è di incrementare il focus sulla intelligenza artificiale  conversazionale. Nonché di sviluppare strumenti per consentire di creare esperienze che sfruttino al meglio la parola e il linguaggio.

Il big di Redmond conferma, con questa acquisizione, un approccio a “democratizzare” lo sviluppo di intelligenza artificiale. E di voler andare a fondo nel tema dell’uso dell’esperienza conversazionale nella comunicazione tra sistemi e persone.

Il Microsoft Bot Framework, disponibile as a service su Azure e su GitHub, supporta già oggi oltre 360.000 sviluppatori. L’obiettivo dichiarato dalla società è di rendere l'intelligenza artificiale accessibile e preziosa per ogni individuo e organizzazione. Di potenziare l'ingegno umano con la tecnologia intelligente.

L’impegno dell’azienda in questa direzione è ormai chiara ed esplicita da tempo. Negli ultimi sei mesi Microsoft ha effettuato diverse acquisizioni strategiche per accelerare il ritmo di sviluppo di intelligenza artificiale.

C’è stata a maggio l’acquisizione di Semantic Machines e a luglio quella di Bonsai. A settembre Microsoft ha acquisito Lobe, e l’acquisizione di GitHub si inserisce anch’essa in questa strategia.

Intelligenza artificiale responsabile

Lili Cheng, Corporate Vice President, Conversational AI di Microsoft
Lili Cheng, Corporate Vice President, Conversational AI di Microsoft

A dimostrare l’accentuato focus sull’intelligenza artificiale conversazionale, Microsoft fornisce anche delle guideline in merito. Lo fa con un post sul blog, a cura di Lili Cheng, Corporate Vice President, Conversational AI.

Lili Cheng nell’articolo condivide le linee guida sviluppate da Microsoft per lo sviluppo responsabile dell'intelligenza artificiale conversazionale. Guideline basate sia su ciò che l’azienda ha appreso attraverso il suo lavoro in materia, sia dall’ascolto di clienti e partner.

A questo indirizzo è possibile leggere l’articolo di Lili Cheng e approfondire la pubblicazione di Microsoft sul tema.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome