Intel apre Centrino a Linux

Con l’aiuto di SourceForge (Va Software) a Santa Clara ora coinvolgono gli sviluppatori opensource per il wireless computing.

11 marzo 2004

Intel ha deciso di aprire l'architettura wireless Centrino a Linux.


Lo ha fatto annunciandolo alla comunità opensource e mettendo la propria iniziativa a disposizione degli interessati tramite il portale SourceForge, che sottende alla omonima sede progettuale implementata da Va Software.


Il passo è importante. Lo si capisce anche da come è stato salutato da sviluppatori di ogni ordine e grado, in primis quelli di Red Hat ("grazie per aver fatto questo", hanno scritto).


L'idea di Santa Clara è di far utilizzare alcune funzioni del wireless networking 802.11b contenute nell'architettura di Centrino dal sistema operativo open.


Centrino è sostanzialmente fatto da un processore Pentium, da un modulo di networking wireless e da un chipset Intel che li collega e ne abilita le connessioni con gli altri sottosistemi.


Già Linux poteva girare con i Pentium M. Ora l'obiettivo è fargli sfruttare le funzionalità wireless con driver propri.


Alla comunità, quindi, spetta il supporto dell'iniziativa.


L'idea di Intel sarebbe di rilasciare pressoché contemporaneamente i drive per Windows e per Linux, sia per quanto riguarda lo standard 802.11b, ma anche, in futuro, per i più veloci 802.11a e 802.11g.


A Santa Clara, quindi, hanno superato l'ostacolo metale costituito dal timore di scoprire informazioni proprietarie.


Va peraltro ricordato che il software di wireless networking di Intel è di per se stesso opensource, solo che viene accompagnato da un modulo firmware proprietario che gira sul sottosistema di rete.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here