Innovazione ed estero i target di Innovaway

Con tutta la buona volontà quelli della Provincia di Bolzano erano un po’ perplessi. Affidare i servizi desk in tedesco a una società di Napoli sembrava una scelta bizzarra. Poi, dopo qualche audit, si sono convinti che le competenze non sono un fattore geografico e hanno affidato il servizio a Innovaway che si occupa anche delle scuole della zona. Specializzata nell’erogazione di servizi Ict come Multilanguage competence center (Mcc) con servizi desk che gestiscono i rapporti tra aziende e clienti e sviluppo software, la società partenopea ha acquisito il contratto la Provincia altoatesina, uno dei suoi rapporti con la Pubblica amministrazione centrale e locale.

Retail, fashion e finance sono gli altri settori di attività di Innovaway che nel 2015 ha realizzato una crescita del 10% rispetto allo scorso anno con un centinaio di nuove assunzioni che portano il gruppo a un totale di circa 580 dipendenti. Dopo un 2015 intenso quest’anno Innovaway punta sulla crescita del multilanguage competence center e dell’area di sviluppo software con una crescente internazionalizzazione che dovrebbe portare la società guidata dal presidente e Ceo Antonio Giacomini ad aprire nuove sedi all’estero in particolare in Nord Europa e in Canada. “Oltre a investire sul nostro brand – spiega Giacomini – abbiamo in programma investimenti nell’innovazione per sviluppare anche strumenti di automazione nelle risposte per i quesiti più facili e strumenti di self help”.

Innovaway lo scorso anno ha gestito con i propri servizi circa 1,5 milioni di richieste di assistenza in 27 lingue tra cui arabo, cinese, russo e thailandese. Ma, sottolinea Augusto De Castro, business development marketing & strategy “Non pensate a un classico call center. Il service desk infatti è un punto di governance fondamentale che assume sempre più importanza per l’It aziendale che in questo modo ha un riscontro rispetto a come funzionano i sistemi informativi. Per questo tramite i nostri operatori possiamo vantare attività sistemistiche e competenze applicative che permettono di rispondere alle domande più banali per arrivare a problemi complessi”.

Il bacino di utenza dei dipendenti è fornito dall’Università Orientale di Napoli e dal polo universitario partonepeo per le competenze informatiche. Un mix di umanisti e tecnologici, con un bassissimo turnover, ai quali si aggiungono i dipendenti della sede di Tirana in Albania dove Innovaway ha replicato il modello napoletano grazie alla collaborazione instaurata con l’ateneo locale.

Il rapporto con la Pubblica amministrazione – aggiunge Giacomini - è stato causa ed effetto dello sviluppo dell’area applicativa partita con la software factory di Napoli alla quale si sono aggiunte poi Milano e Tirana, che gestisce anche una commessa in ambito finance, per avere un mix di competenze ed efficacia sui costi”.

La collaborazione con system integrator del calibro di Ibm, alla quale fornisce servizi desk multilingua per progetti internazionali, e Fujitsu e la creazione di una business unit dedicata alle attività di Businss process outsourcing per supportare le aziende nella gestione dei processi interni, completano il range di attività di Innovaway che nel corso del 2015 ha avviato una rapporto con il gruppo Pianoforte, proprietario dei marchi Yamamay, Carpisa e Jaked, per l’erogazione dei servizi di supporto informatico per i propri punti vendita in Italia e nel mondo e con Dedagroup Fashion, factory & retail, business unit di Dedagroup alla quale fornisce servizi di supporto tecnologico per le soluzioni implementate preso i punti vendita di numerosi clienti internazionali della moda e del lusso.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome