In Europa il commercio elettronico di Intel e Sap

Intel e Sap prevedono di lanciare, entro l’estate, filiali europee della propria joint venture Pandesic, nata per sostenere iniziative di commercio elettronico. Il piano d’azione prevede iniziali attività di marketing a partire dal Cebit di Hann

Intel e Sap prevedono di lanciare, entro l'estate, filiali europee della
propria joint venture Pandesic, nata per sostenere iniziative di commercio
elettronico. Il piano d'azione prevede iniziali attività di marketing a
partire dal Cebit di Hannover e da InternetWorld di Londra, per poi
arrivare, nella seconda metà dell'anno, alla creazione di vere e proprie
sedi autonome dall'operato dei due padri fondatori. La joint venture fu
lanciata nell'agosto dell'anno scorso e attualmente offre una soluzione
Internet-based in grado di automatizzare on line l'intero ciclo di business
dei prodotti. Si tratta di una soluzione rivolta soprattutto a piccole e
medie aziende di "virtual retailing". La base applicativa è composta da
Windows Nt e Sap R/3 e fra i partner già acquisiti si trovano Cybercash,
Ups e Taxware.
Sembra che l'espansione europea coinciderà anche con una nuova iniezione
di capitale da parte di Intel e Sap. Trattandosi di un'iniziativa privata,
non è dato sapere a quanto ammonti sin qui l'investimento delle due
società, ma, secondo alcuno osservatori, per ora Pandesic sembra aver
causato soprattutto perdite, accreditata com'è di una quindicina di
contratti, ma con solo tre aziende Usa che effettivamente usano i suoi
sistemi. Non è ancora chiaro come procederà l'espansione sul Vecchio
continente, ma fin dall'esordio l'intento fu esplicitato e allora si fecero
i nomi di paesi come la Germania, la Francia, la Gran Bretagna e la
Scandinavia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here