Immagini mediche: irrompe il cloud

Le tecnologie aumentano le possibilità di diagnosi rendendo disponibili l’imaging in remoto. E i radiologi devono aggiornarsi.

“I radiologi non hanno particolari conoscenze delle tecnologie dell'informazione”, sostiene Rakesh Patel, un radiologo del Coventry University Hospitals (UK), “quindi non comprendono neanche i vantaggi dei sistemi informativi Web-based”.

Poco male, verrebbe da dire, se non fosse che Patel sarà copresentatore di una sessione di Rsna 2010, l'annuale congresso della Società di Radiologia del Nord America, che si terrà dal 28 novembre al 3 dicembre a Chicago (Illinois). E se non fosse che il titolo della sessione da lui presentata il prossimo 28 novembre sarà "Introduzione al Cloud Computing e alla virtualizzazione in Radiologia: A Dummies Guide".

Aggiornarsi sulla specifica Ict è rilevante per l'attività: “I radiologi dovrebbero sapere di più sui Pacs (Picture archiving and communication systems) Web-based”, dice Patel, “in modo da avere un ruolo nella decisione d'acquisto”.
In questo momento nel Nord America il cloud computing sta rivoluzionando archiviazione e gestione delle immagini (Pacs) e database delle informazioni collegate (Ris), rendendo possibili molte innovazioni, tra le quali svolgere una gran parte del backoffice a casa, sul proprio personal computer.

Inoltre, il cloud computing consente di fare un lavoro avanzate di radiologia a domicilio per i radiologi a chiamata: oggi negli States “per la maggior parte dei casi i radiologi possono accedere solo ai file di immagine Jpeg da casa, ma il cloud computing può trasformare un pc domestico in un sistema completo Pacs/Ris”.
Questo è importante non solo perché permette al radiologo di fornire un servizio migliore quando si lavora al di fuori dell'ospedale, ma anche perché si avvicina il tempo in cui ai radiologi sarà possibile lavorare in remoto.
Per gli interessati, il 2011 promette di essere un anno davvero eccezionale, anche considerando l'avvento dell'Apple iPad nel mondo dei pad già usati in ambito ospedaliero.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here