Il valore delle Applicazioni Mobile & Wireless Business

Le applicazioni Mobile & Wireless, che rappresentano un mercato in crescita del 34% nel biennio 2006-2008, generano un forte valore nei processi in cui vengono adottate, in termini di benefici sia tangibili sia intangibili.




Secondo i Risultati della Ricerca 2009 dell’Osservatorio Mobile & Wireless Business di Assinform e della School of Management del Politecnico di Milano, (scaricabili in formato digitale sul sito www.osservatori.net e www.assinform.it) il valore complessivo del mercato Mobile & Wireless Business nel 2008 è pari a 3.540 Milioni di €, in crescita del 17% rispetto al 2007 e di circa il 34% se confrontato con il 2006; questo risultato è in netta controtendenza rispetto all’andamento generale dei mercati IT e TLC, sostanzialmente statici negli ultimi anni. La ripartizione di questo dato, composto per oltre il 70% dalla vendita di hardware e per meno del 10% dalle soluzioni, dai servizi e dalle applicazioni, conferma che siamo in presenza di un mercato importante, “tecnologicamente maturo”, ma ancora molto “immaturo dal punto di vista delle applicazioni”.

Nel corso della Ricerca l’Osservatorio ha effettuato un’analisi di dettaglio di 25 casi aziendali appartenenti a tutti i principali ambiti applicativi – Sales Force Automation, Wireless Operations, Field Force Automation, Asset Management, Warehouse & Stock Management, Customer Relationship Management, Mobile & Wireless Office e Fleet Management – nei principali settori – Manufacturing, Retail e Servizi. Per ogni caso sono stati valutati gli impatti di queste applicazioni sui processi, identificando le principali fonti di beneficio e quantificando gli indicatori di redditività.

Molte applicazioni Mobile & Wireless Business risultano estremamente profittevoli anche considerando i soli benefici di produttività. Dall’analisi emerge come molti progetti “piccoli”, caratterizzati da un investimento inferiore a 50.000 €, hanno dimostrato straordinari indicatori di redditività (ad esempio Profitability Index superiori a 10 volte l’investimento in 5 anni). In generale, molti dei casi che presentano un livello di investimento ridotto hanno in realtà affrontato, seguendo un approccio “prudente” e tenendo bassi gli investimenti, un primo passo verso l’automazione dei processi: in queste situazioni l’impatto delle applicazione Mobile & Wireless avviene su processi di partenza ancora molto “tradizionali”, che ricorrono in modo rilevante alla carta, al data entry, ai controlli “a vista”, ecc. In questi contesti, le applicazioni sono spesso consolidate, tecnologicamente affidabili e richiedono investimenti anche limitati.

Inoltre, la maggior parte delle applicazioni esaminate sembra avere rilevanti benefici in prestazioni difficilmente monetizzabili – come la qualità del lavoro, la disponibilità di dati per migliorare i processi e il livello di servizio al cliente. In alcuni dei casi analizzati, la volontà di cogliere i benefici intangibili è risultata determinante fin dall’inizio nella decisione di investimento. In altri casi, la rilevanza dei benefici intangibili è emersa nitidamente solo dopo aver implementato il progetto, ma è stata talmente significativa da aver reso indispensabile l’adozione dell’applicazione Mobile & Wireless da parte degli utilizzatori.

Infine, emerge come il valore delle soluzioni Mobile & Wireless aumenta con l’ampiezza dell’ambito del progetto, inteso in termini sia di estensione interfunzionale sia di ridisegno dei processi: infatti, al crescere dell’impatto organizzativo e sui processi aumentano i benefici tangibili, connessi ad esempio alla riduzione dei costi di interfaccia tra le diverse attività, al miglioramento dell’accuratezza dell’intero processo, alla riduzione del lead time, ecc. Questi elementi, naturalmente, risultano essere meno significativi nei progetti “locali”, caratterizzati da impatti (sia organizzativi sia sui processi) più limitati.

*Paolo Catti e Christian Mondini, Osservatorio Mobile & Wireless Business di Assinform e della School of Management del Politecnico di Milano



CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here