Il “typosquatting” non conosce soste

Sempre attuale la pratica di registrare nomi a dominio simili a quelli di marchi noti e conosciuti: i primi 3.264 .com sono “imitati” negli URL da parte di ben 938.000 domini.

Per più di un decennio la pratica del "typosquatting" è stata posta in essere senza pause.

Essa consiste nella registrazione di nomi a dominio che "scimmiottano" quelli che caratterizzano grandi e famosi marchi. Quando l'utente digita in modo scorretto un URL nella barra degli indirizzi del browser può rischiare di trovarsi su un sito che non ha nulla a che vedere con quello d'interesse.

Il "typosquatting" è spesso sfruttato da truffatori che registrano nomi a dominio imitanti URL di siti web famosi, istituzioni, istituti bancari e così via. Tali domini, statisticamente, sono stati sfruttati per porre in essere attacchi phishing o veicolare contenuti pornografici. Nonostante le contromisure che sono state attuate, a più livelli, il fenomeno del "typosquatting" rimane ancora molto forte e radicato.



Ben Edelman, assistente presso il Dipartimento di Economia dell'Università di Harvard, e Tyler Moore hanno pubblicato un'indagine sul "typosquatting" stimando come i primi 3.264 domini .com siano "imitati" negli URL da parte di ben 938.000 domini. Il duo Edelman-Moore ha studiato 285.000 di tali domini per analizzare le loro fonti d'introito.



In questo documento PDF Edelman e Moore spiegano come oggi i domini-"typosquatters" siano impiegati, principalmente, per esporre advertising "pay-per-click". Lo studio dei due ricercatori evidenzia come l'80% dei domini (74.000 circa) includa tali "inserzioni" con una preferenza schiacciante per le soluzioni offerte da Google (i.e. Adsense).



I clic ricevuti sui messaggi esposti nei siti-"typosquatters" frutterebbero a Google qualcosa come 497 milioni di dollari l'anno.

Secondo Edelman e Moore il traffico generato dai siti che usano nomi a dominio molto simili a quelli famosi e del tutto legittimi sarebbe enorme: se tutti i domini-"typosquatters" fossero presi in esame come un unico sito, si tratterebbe del sito più visitato al mondo in assoluto.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here