Il supermercato del futuro è targato Coop

Dopo l’esperimento dell’Expo Coop sbarca al Bicocca Village di Milano con il Supermercato del futuro che da oggi diventa il 56° punto vendita di Coop Lombardia e quello che viene definito come “il primo supermercato digitale al mondo”. Primato difficile da definire visto che Amazon risponde con un suo tecnologico punto vendita. Realizzato Da Carlo Ratti & Associati per la manifestazione milanese, il progetto è passato nelle mani di Inres, il Consorzio di progettazione del movimento cooperativo, ed è stato realizzato con la collaborazione di Accenture per la parte tecnologica e l’utilizzo della piattaforma cloud di Microsoft.

Si tratta di uno spazio di circa novecento metri quadri di vendita con duecento metri quadri dedicati alla ristorazione e un’offerta di circa seimila referenze. “E’ un punto vendita ibrido – ha spiegato Marco Pedroni, presidente di Coop Italia –, un’evoluzione dell’esperienza di Expo che ha dato ottimi risultati”. Il supermercato dietro il quale ci sono 4-5 milioni di euro di investimenti si prepara ad accogliere una stima di circa duemila clienti giornalieri per i quali sono stati allestiti pannelli informativi che, tramite sensori Kinect, si animano quando si passa la mano sul prodotto. In questo modo sui pannelli appare “un’etichetta aumentata” che fornisce una serie di indicazioni ai clienti. Ai 54 monitor si aggiungono 46 totem touch dotati di scanner per visualizzare le informazioni sui prodotti in vendita. In questo modo se da una parte il consumatore può avere maggiori informazioni, anche se la leggibilità dei pannelli può essere migliorata, dall’altra a Coop arrivano una serie di informazioni ancora grezze che potranno migliorare col tempo. Ogni interazione con i prodotti viene infatti registrata e servirà per valutare il successo o meno di prodotti e zone di vendita. Perché oggi in molti hanno preso in mano quel tale prodotto e poi non l’hanno acquistato? Forse è il caso di intervenire sul prezzo.

Non è prevista una pubblicità particolare per questo tipo di negozio che, aggiunge Pedroni, “dovrà promuoversi da solo perché vogliamo vedere se la formula funziona”. Anche perché, secondo le stime di Coop, i punti vendita considerati innovativi hanno una performance superiore di otto volte alla media del mercato. Il supermercato, ha aggiunto Alberto Pozzi, managing director della Retail price di Accenture, “è un work in progress, una sperimentazione” per la quale è prevista una road map di interventi che aumentrà il potenziale tecnologico del negozio. Si pensa infatti alla app che permetterà di riconoscere il profilo del cliente in modo da arrivare a consigli e offerte personalizzate, all’aggiornamento del sistema al momento dell’acquisto dei prodotti in modo da conoscere in tempi brevi la presenza delle referenze sugli scaffali o in un futuro più lontano al self scanning con senza passare dalle casse che oggi sono con cassiera e self service.

Il Social analytic wall

Sulla parete in fondo al punto vendita è previsto poi un Social analytic wall, Coop sta sviluppando anche le competenze interne per i ldigital, dove saranno proiettate una serie di informazioni tra cui i valori del marchio Coop, offerte speciali e suggerimenti per la prepazione di ricette. “Sarà possibile interpolare i dati – spiega Pietro Panepinto, senior account manager enterprise group di Microsoft – e far vedere che chi ha comprato il pane sta comprando altri prodotti. Da una parte sarà quindi possibile effettuare l’analisi dei comportamenti dei clienti e dall’altra dare suggerimenti agli altri visitatori”.  Tutta la soluzione che gestisce il negozio poggia sulla piattaforma Azure di Microsoft. “Per questo punto vendita è stato realizzato un sistema informativo a parte integrato nel sistema Coop – aggiunge Panepinto -. E’ un mondo definito a livello perimetrale, ma pronto per essere utilizzato da Coop per un altro supermercato”. Coop per il momento non ha intenzione di aprire altri negozi simili, ma sta ragionando con Microsoft sull’evoluzione del punto vendita milanese che per tutti rappresenta una palestra. Quello di oggi è solo il primo passo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here