Il downtime di un datacenter costa 3.500 euro al minuto

La stima di uno studio del Ponemon Institute che ha analizzato 41 datacenter con dimensione minima di 232 metri quadri. Per i service provider o le società di e-commerce si arriva a 8.000 euro al minuto

I guasti dei datacenter possono costare alle organizzazioni più di 3.500 euro al minuto. Il dato emerge da una ricerca effettuata dal Ponemon Institute e sostenuta da Emerson Network Power.

La ricerca ha analizzato il funzionamento e la gestione di 41 datacenter di diversi settori industriali con una dimensione minima di 232 metri quadri ed è stata realizzata intervistando oltre 450 professionisti per calcolare costi diretti e indiretti delle interruzioni del servizio.

Lo studio sottolinea come le inadeguatezze dei segmenti power, cooling, monitoring e service possono contribuire ai guasti.

Oltre 2 ore il tempo di ripristino medio
Ne emerge che, in caso di downtime di un data center, il tempo medio di ripristino delle operazioni è di 134 minuti e il costo per l'azienda di queste oltre due ore di black-out è di oltre 475.000 euro (ovvero circa 680.000 dollari).

La situazione peggiora se si considerano le aziende con modelli di guadagno che dipendono dalla capacità dei data center di fornire servizi IT e di networking, come appunto i service provider e le società di e-commerce, per le quali un singolo donwtime può arrivare a costare anche fino ad 700.000 euro (1 milione di dollari), ossia quasi 8.000 euro al minuto.

Per calcolare il costo complessivo, i ricercatori del Ponemon Institute hanno utilizzato un sistema di Activity Based Costing, prendendo in considerazione i costi diretti, indiretti e il costo opportunità (cioè il valore a cui si rinuncia nel caso non si sfrutti un'opportunità). I dettagli nella figura in basso.

Mancano risorse
I dati indicano che i professionisti che gestiscono i data center lamentano la carenza di risorse per una gestione ottimale delle infrastrutture: quasi il 60% sostiene che sarebbe stato possibile prevenire i guasti mentre solo il 37% ritiene di avere a disposizione tutte le risorse necessarie per ripristinare il corretto funzionamento del data center in caso di problemi.

Perché si guasta un datacenter?
In base ai dati forniti dai rispondenti, nel 29% dei casi l'indiziato numero uno è l'UPS. Al secondo posto l'errore umano (citato nel 24% dei casi) e a seguire problemi energetici e nel condizionamento. In figura le primarie cause di guasto.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here