Il Digital Signage secondo Nec e Gruppo Infor

NEC-showcase 2014 ridotto“A World of Visual Experience”: questo il titolo dell'ultima edizione dell'appuntamento annuale di Nec Showcase (una carrellata di novità: large format video, display multi-touch e proiettori), che ha posto l'accento sull'importanza e centralità della comunicazione visiva. Un universo quotidiano nel quale le parole sono indissolubilmente legate alle immagini che hanno lo scopo di veicolare informazioni ed emozioni attraverso una serie di media, nei quali la componente video (televisori, smartphone e tablet) è decisamente superiore a quella audio.

Nell'introduzione all'evento, Antonio Zulianello, General Manager Nec Display Solutions, ha evidenziato come oggi la forma primaria di approccio e comprensione del mondo sia visuale e non più testuale e come anche il nostro linguaggio si sia modificato, contraendosi e adattandosi alle nuove regole imposte dall'utilizzo della tastiera. Un cambiamento epocale che Nec ha saputo, sotto certi aspetti, anticipare specializzandosi in mercati professionali verticali (corporate, retail, education, health-care, broadcasting, videoconference ecc.).

Nec Showcase 2014 ci ha offerto anche l'occasione per comprendere meglio, grazie al punto di vista di Fabrizio Montali, Presidente Gruppo Infor, quale sia l’attuale andamento del mercato italiano del Digital Signage, quali settori si siano rivelati maggiormente recettivi e quali i vantaggi potrebbero trarre dall'impiego di soluzioni altamente personalizzate come TargetUP, il Digital Signage targettizzato sviluppato dal Gruppo Infor.

Negli ultimi anni - spiega Montali – il mercato del Digital Signage si è dimostrato molto vivace, grazie soprattutto alla versatilità d’impiego: si va dall’advertising all’uso informativo, fino alle applicazioni guidate dal brand. Il Digital Signage sta vivendo una fase caratterizzata soprattutto da una forte semplificazione e da una sempre più totale integrazione di tutti i componenti: fattori che riducono i costi e migliorano notevolmente l’esperienza d’uso, rendendo questo tipo di soluzioni sempre più accessibili anche alle piccole aziende o ai piccoli esercizi commerciali. Contemporaneamente prosegue Montali - si stanno ampliando i settori in cui queste soluzioni possono trovare spazio: retail, ospitalità, sanità, education, Pubblica Amministrazione, sedi aziendali

Secondo un rapporto redatto dalla società di servizi IHS, solo in Italia sarebbero attivi oltre 22 milioni di monitor gestiti da operatori privati e il trend di crescita a doppia cifra degli ultimi anni dovrebbe mantenersi anche per i prossimi. Gli osservatori del settore stimano che, già nel 2016, nel nostro Paese supereremo i 26 milioni di monitor attivi.

I motori principali del mercato del Digital Signage – prosegue Montali - sono sostanzialmente due e su entrambi il Gruppo Infor è impegnato, in collaborazione con Nec, attraverso la nuova soluzione TargetUp. Il primo riguarda la qualità dei sistemi di visualizzazione: dimensioni sempre maggiori e risoluzioni sempre più elevate. Il secondo riguarda invece gli aspetti legati alla componente IT e infrastrutturale e comprende, per esempio, le modalità di gestione dei contenuti, la loro memorizzazione, ormai destinata al cloud, le prestazioni di rete, per garantire flussi all’altezza dell’elevatissima qualità video, e l’interazione con il mondo mobile e wireless”.

Montali sostiene che nel corso degli ultimi anni la comunicazione pubblicitaria si sia trasformata in un'arte estremamente raffinata e destinata a colpire non più un pubblico vasto bensì specifici target. In tal senso, soluzioni come TargetUp - che si compone di uno schermo, collegato alla rete e dotato di una telecamera, capace di analizzare i tratti somatici delle persone, individuandone l'età e il sesso, e allo stesso tempo di registrare in ogni istante il numero di passaggi, l'orario e le condizioni atmosferiche - consentono di trasmettere messaggi pensati per specifiche tipologie di spettatore.

Nec e Gruppo Infor – precisa Montali - hanno unito le proprie forze per sviluppare un sistema di Digital Signage di nuova generazione che, basandosi su algoritmi di visione artificiale di riconoscimento facciale, sia in grado di analizzare e classificare le caratteristiche degli utenti, che si trovano a sostare davanti a uno schermo pubblicitario, e quindi di inviare messaggi mirati. Attraverso un pannello di controllo questa soluzione consente una gestione diretta, via web, di ogni schermo, della pianificazione delle comunicazioni, in base a target, location e condizioni meteo, e il rilevamento in tempo reale di dati (età, messaggio seguito, ecc.) relativi alla persona presente davanti a un determinato monitor. Grazie alla registrazione di tutte le informazioni, è possibile realizzare report precisi e approfonditi per lo sviluppo di pubblicità ancora più mirate. In assenza di spettatori riconducibili ai modelli predefiniti, sono trasmesse campagne standard prestabilite, che s'interromperanno non appena davanti al display si posizioneranno utenti rispondenti ai target registrati. La tutela della privacy viene garantita dal fatto che non vengono registrati o memorizzati dati sensibili né immagini”.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome