Il Commerce nel 2000 secondo Microsoft

In occasione del salone specializzato Retail Systems 2000 Microsoft
ha offerto una attesa anteprima della sua nuova piattaforma di
e-commerce Commerce Server 2000. La dimostrazione è stata uno dei
piatti forti di uno show tutto dedicato agli strumenti rivolti ai
protagonisti delle vendite retail che intendono aprire nuovi canali
sul Web. Microsoft intende posizionare il suo prodotto, la cui
versione beta verrà messa in circolazione in questi giorni (in attesa
del rilascio fissato quest’anno) come la "nuova generazione dei Web
server". La piattaforma è mirata ad accorciare al minimo i tempi di
realizzazione dei siti Web destinati alle transazioni commerciali,
business-to-business o business-to-consumer.
Commerce Server 2000 rientra nell’ambito della strategia "Dna" e
offre ai suoi utenti un insieme di tool creativi basati su
sofisticati moduli di autocomposizione. Non mancheranno i template,
le maschere preimpostate, per la costruzione dei vari componenti di
un sito commerciale, come i cataloghi, l’interazione con il sistema
di pagamento online e le aste. In questo senso Commerce Server si
pone come un indispensabile complemento di BizTalk Server 2000, la
piattaforma di integrazione con i sistemi di back-end basata sul
linguaggio Xml. Secondo i responsabili del prodotto in casa
Microsoft, il futuro Commerce Server va a chiudere il ciclo di
integrazione della supply chain ed è progettato per interfacciarsi
con BizTalk per la realizzazione di applicazioni di e-procurement,
l’ultima moda in materia di approvvigionamento di beni e servizi
dentro alle aziende. A questo punto del suo stadio di sviluppo,
Commerce Server è in grado di interfacciarsi solo con un database
SqlServer 2000, ma l’obiettivo è quello di estendere le possibilità
di dialogo con tutti gli ambienti di database compatibili con le
specifiche Odbc. Il pubblico di Retail Systems 2000 ha anche avuto
modo di assistere alle prime dimostrazioni "aperte" di BizTalk
Server, anch’esso in versione beta. Microsoft ha infine presentato i
primi quattro schemi dell’infrastruttura di servizio Retail Business
Information (Rbi) relativamente a temi come le transazioni, i listini
prezzo e i metodi di pagamento. Gli schemi sono stati sviluppati nel
quadro dell’iniziativa Microsoft denominata proprio BizTalk
(www.biztalk.org) e dell’architettura tecnologica ActiveStore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here