Il cloud di Aruba per la “Scuola Ovunque” di Lilliput Media

Un public cloud per creare un unico punto di accesso all’interno del quale disporre di elaborati, schede e registri scolastici: è quanto messo a diposizione da Aruba all’interno del progetto “Scuola Ovunque” realizzato da Lilliput Media.
Alla software house nata nel 2011 per sviluppare app in ambito educational va il merito di aver creato HER - Health Electronic Register -, un registro elettronico già utilizzato da circa 70 istituti in tutta Italia, tra cui dal prossimo anno anche l’Ospedale Pediatrico Gaslini di Genova, disponibile gratuitamente per tutte le sezioni di scuola in ospedale.
Al suo interno confluiscono la documentazione didattica del lavoro svolto dagli insegnanti delle sezioni ospedaliere nonché la parte gestionale costituita da anagrafica studenti, anagrafica docenti, schede scolastiche e molto altro ancora.

La scuola entra in ospedale

Balzata agli onori della cronaca un anno fa per la sperimentazione presso l’Ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma di “PRESENTE”, l’app scaricabile da smarthphone o tablet per registrare e mettersi direttamente in contatto con la scuola, prenotare lezioni e segnalare agli insegnanti esigenze formative particolari in maniera autonoma, il sistema integrato che coinvolge alunni, personale medico e sistema scolastico non è l’unica proposta nell’offerta di Lilliput Media.

Accanto a HER, sulle stesse basi dati del cloud, lavora anche “SEGNALO”, che consente al personale medico e paramedico di segnalare richieste di intervento didattico ai docenti che lavorano in ospedale.Scuola_Ovunque

Da qui le basi per il progetto “Scuola Ovunque” messo a punto in collaborazione con l’Istituto Comprensivo “Virgilio” di Roma e con ANPO, Associazione dei Pedagoghi Ospedalieri, che ha come scopo offrire un software di supporto alla didattica nelle “scuole fuori dalla scuola” andando ad ampliare il servizio didattico già fornito consapevoli che il diritto allo studio è di tutti e, per questo, sempre e ovunque esigibile.

Ad Aruba, che di mestiere offre servizi di Web hosting, email, PEC e registrazione domini, il compito di supportare Lilliput Media rendendo accessibile il servizio attraverso la propria infrastruttura cloud per offrire una risposta concreta al crescente fenomeno dell’istruzione domiciliare anche per bambini e giovani itineranti, come nel caso dei figli di giostrai e circensi.

I requisiti tecnici richiesti alla scuola riportati online parlano di un pc o tablet WinXP, Win7 o Win8, Win10 connesso a Internet per ogni classe, mentre per la famiglia la richiesta è di un pc Windows o di un Mac OSX, ma anche di un tablet o smartphone (da iOS 7 o superiore, Android) dotato di connessione al Web.

Come funziona il servizio

Attraverso il Public Cloud di Aruba diventa, così, possibile mettere in contatto tra loro le scuole territoriali od ospedaliere che partecipano al progetto offrendo, in mano sicuro e protetto, un unico punto di accesso per disporre di una documentazione organica.

Infrastruttura_ArubaCloudSperimentata sul campo, la tecnologia a supporto della condivisione di Aruba è, inoltre, risultata strategica perché in grado di consentire alla piattaforma di reggere i picchi di traffico che, inevitabilmente, vengono a crearsi, ad esempio al momento della pubblicazione delle schede scolastiche.

L’obiettivo da perseguire

Senza alcuna pretesa di sostituire con la tecnologia rapporto educativo tra insegnante e alunno, l’obiettivo di Lilliput Media evidenziato in una nota ufficiale da Marco De Luca, Customer Relationship Manager della società, è chiaro e parla di «creare un’infrastruttura tecnologica per rispondere alle principali esigenze di supporto e tracciamento delle attività didattiche dello studente ovunque vengano svolte: a scuola, a casa, in ospedale o altrove».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here