Icl taglia il 13% della propria forza lavoro

La riduzione in atto è parte del piano di ristrutturazione annunciato lo scorso autunno da Fujitsu, che nel 1990 ha acquisito la società inglese la quale però è ormai in rosso dal 1996

Il declino registrato nelle vendite dei propri servizi ha indotto Icl ad
annunciare il licenziamento in tronco di 1.500 dipendenti, il 13% circa della
propria forza lavoro.
La riduzione in
atto è parte del piano di ristrutturazione annunciato lo scorso autunno da
Fujitsu, che nel 1990 ha acquisito la società inglese, una delle prime a fornire
software e servizi di tipo It in Uk.
Dall'inizio di quest'anno a oggi Icl
aveva già provveduto al licenziamento di 690 dipendenti presso la sede
principale, e di altri 210 sparsi tra le filiali in Europa. In tutto, circa il
7% dei tagli di personale annunciati dalla casa madre Fujitsu che, per ridurre i
costi e rispondere alla crisi economica registrata a livello globale, lo scorso
autunno ha confermato l'intenzione di lasciare a casa 21mila dipendenti sparsi
in tutto il mondo. Il futuro di Icl, che ha chiuso in rosso gli ultimi cinque
anni fiscali, appare più che mai incerto.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here