Ibm-Lenovo: la logica dell’allarmismo

A due giorni dall’annuncio ufficiale si moltiplicano le reazioni di perplessità. Ma quanto sono ragionate e quanto sono ostilità verso il cambiamento?

Indagine a tempo di record e suscettibile, dunque, di
tutti i limiti di una reazione a caldo.
Poche ore dopo la conferma
dell'accordo raggiunto tra Ibm e Lenovo, Forrester Research ha
interpellato un panel di prospect di Ibm, ricavandone, come è comprensibile sia,
una sensazione di sconcerto.
Circa la metà degli interpellati avrebbe infatti
dichiarato di essere pronta a considerare Hp e Dell in alternativa, ora che i
desktop e i laptop di Big Blue passano alla società cinese.
E analogo
risultato mostrano i polling online di alcune testate
statunitensi.
Discontinuità, questo è il timore dei più.
E gli analisti,
Forrester in testa, sono già pronti a giurare che alla fine saranno proprio Hp e
Dell a raccogliere i transfughi.
Probabilmente, se si guarda al solo universo
statunitense potrebbe essere così. In Europa potrebbero entrare in gioco anche
altri competitor (Fujitsu Siemens tanto per citarne uno) ben posizionati sul
mercato business.
In realtà, quel che più ci lascia perplessi di questi
commenti, è che mostrano tutti i limiti di una reazione a caldo.
La
produzione in mani cinesi o comunque in outsourcing non è certo una novità, nè
per Ibm nè per i suoi competitor.
Resta il supporto, ma in base ai termini
dell'accordo passerà ancora dai Global Services di Ibm.
Di conseguenza per i
clienti dovrebbe, almeno sulla carta, cambiare poco.
Ci sembra più legittima,
anche se prematura, la perplessità dei partner di canale. Per loro potrebbe
davvero esserci la possibilità di dover fare i conti con una diversa struttura
commerciale e di marketing.
Ma anche in questo caso, ci sembra più un
allarmismo che un vero allarme.
Che non fa bene per prima cosa al mercato.
Ma
anche a chi di eventuali defezioni potrebbe in qualche modo
approfittare.
Perchè altro è il cambiamento consapevole, altro quello non
ragionato, solo sulla scorta dell'emozione.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here