01net

Ibm – Cisco, accordo per portare Watson all’ultimo miglio dell’IoT

È un connubio destinato a cambiare qualche regola del gioco nel mercato dell’IoT quello sancito in queste ore tra Cisco e Ibm.

Le due società hanno raggiunto un accordo per una collaborazione che vede Ibm portare le tecnologie di business analytics di Watson sui router Cisco.
Questo significa che le aziende potranno, ovunque si trovino, accedere alle capacità cognitive di Watson senza necessità di effettuare l’upload dei loro dati in cloud.

L’ultimo miglio, perché?

È una sorta di accordo per l’ultimo miglio, quello stipulato tra le due aziende, che dunque estende Watson dal cloud fino alle terminazioni di rete, così da rendere le capacità di analisi disponibili ovunque e sempre, soprattutto in quelle situazioni nelle quali le decisioni critiche devono essere prese in tempo reale e per le quali il cloud non sempre rappresenta la migliore tra le opzioni possibili.
Per questo motivo, gli ambiti applicativi identificati sono quelli realmente mission critical, dalle piattaforme petrolifere alle miniere, dai porti alle attività presenti in aree remote del pianeta, dove le connessioni Internet stabili non sono sempre garantite.
E per altro, proprio la disponibilità di queste capacità di analisi direttamente sul router potrebbe essere la chiave per convincere un numero crescente di aziende ad adottare la maintenance predittiva, con evidenti benefici sia in termini di risparmio di costi sia di miglioramento dell’operatività.

Cisco e le tecnologie di ParStream

Negli ultimi anni – si legge nella nota rilasciata dalle due aziende – il cloud computing ha rappresentato per le aziende un valido strumento per memorizzare i loro dati e trasformarli in valore. Tuttavia, per le aziende che non hanno un buon accesso alla connettività a banda larga, queste capacità e queste funzionalità non sono a portata di mano. […] Insieme Ibm e Cisco stanno portando sino all’ultimo miglio potenti tecnologie IoT, estendendo Watson dal cloud fino alle terminazioni di rete”.
Ibm, dunque, mette in campo Watson IoT, mentre Cisco le tecnologie di hyper distributed analytics, include quelle acquisite da ParStream per l’acquisizione di grandi quantità di dati direttamente sul punto in cui vengono generati.