I conti carta trainano l’internet banking

A quattro mesi dal loro lancio, hanno già raggiunto oltre 1,2 milioni di utenti, circa il 16% di tutti gli italiani che gestiscono il loro conto corrente online. Lo afferma il rapporto DigitalFinace.

Sono 7,7 milioni gli italiani che usano Internet per il banking e 5,5 milioni quelli che utilizzano il proprio conto online almeno una volta nel mese, pari a circa il 25% della popolazione Web. Lo rivela il rapporto DigitalFinance, realizzato da Nielsen Online e CommStrategy e relativo al mese di dicembre 2009. L'analisi ha anche evidenziato che nel 72% dei casi si tratta di clienti dei primi tre gruppi bancari italiani, che accedono al proprio conto utilizzando, oltre agli sportelli e agli Atm, anche Internet sul pc e, in misura crescente, sul cellulare. Si tratta di un segmento maturo, che nel 65% dei casi ha almeno 35 anni e presenta consumi Internet superiori del 55% rispetto alla media per quanto riguarda i principali indicatori: tempo, sessioni e pagine viste.

Se confrontati con lo stesso mese dell'anno precedente, i clienti attivi sono cresciuti di circa mezzo milione, quasi esclusivamente grazie al contributo delle banche tradizionali che hanno convinto una quota crescente della propria clientela a usare i servizi online, arginando la concorrenza delle banche dirette, la cui quota di mercato sembra aver raggiunto un limite fisiologico.

Tra i grandi gruppi tradizionali, si registra la buona prestazione di Mps che recupera il terreno perduto negli anni passati grazie a un'offerta di prodotti sottoscrivibili a distanza che è oggi la più ampia sul mercato (conti correnti, carte prepagate, conti deposito e Pct) e all'aggiornamento delle politiche di sicurezza sul canale Internet.

Un fenomeno emergente è invece rappresentato dai conti carta che hanno raccolto l'attenzione di più di 250 mila consumatori al mese. Immessi sul mercato in una fase caratterizzata da tassi estremamente ridotti, i conti carta associano le caratteristiche dei conti correnti low cost con quelle delle carte ricaricabili, soddisfacendo i bisogni bancari di base di una parte di consumatori che è costretta a rinunciare alla remunerazione della liquidità e non è disponibile a sostenere costi di gestione per l'accesso a servizi Internet come bonifici e ricariche. Sono invece 2,2 milioni gli italiani che si fermano alla consultazione delle pagine pubbliche dei siti delle banche.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here