Hybrid cloud in tempo record per il business di Banzai

In cerca agilità e governance per la propria infrastruttura It, Banzai ha scelto la piattaforma di integrazione applicativa Dell Boomi con la quale il proprietario dei portali ePrice e Saldi Privati e dei siti GialloZafferano, PianetaDonna, Liquida, Il Post e Studenti ha implementato un cloud ibrido in soli due mesi.

Quotato da febbraio sul segmento Star di Borsa Italiana e con un fatturato 2014 in crescita del 21% rispetto all’esercizio precedente, per l’operatore italiano attivo nel settore dell’ecommerce e dei contenuti editoriali verticali si è trattato di indirizzarsi verso un It in grado di crescere e adattarsi a un ecosistema sempre più ampio e caratterizzato sia da soluzioni tradizionali sviluppate in casa, sia da applicazioni hybrid cloud disponibili in modalità as-a-Service.

Come riportato in una nota ufficiale da Stefano Smareglia, Chief technology officer di Banzai, la sfida principale è stata passare da un modello di sviluppo in-house a un modello basato sull’integrazione per consentire all’It di implementare velocemente nuovi servizi.

Da qui la necessità di ricorrere a una gestione in modalità Application Program Interface e a una piattaforma che consentisse di aggiungere o rimuovere gli endpoint applicativi da interconnettere senza la necessità di riscrivere il processo di integrazione.

A integrare i processi per gestire centralmente tutte le funzionalità proprie di un ambiente cloud, ci ha pensavo Mind Mercatis, società di consulenza aziendale specializzata nella gestione dei cambiamenti, demandando a Dell Boomi aggiornamenti automatici, riconfigurazione, modifica e aggiunta di processi, monitoraggio, test ed esecuzione.

In questo modo, grazie all’integrazione assistita fra applicazioni on-premise o in cloud, senza ricorso ad appliance, software o codifica, Banzai, che già serve oltre 18 milioni di clienti, a cui propone un catalogo con oltre un milione di referenze, 80 punti Pick & Pay e 162 Lockers dislocati in oltre 60 città d’Italia, ha potuto ridurre il time-to-value e contare su una struttura di costi prevedibile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here