Guerra dei prezzi e acquisizioni in vista per Dell

Superata a mala pena Compaq nel primo trimestre dell’anno, Dell si prepara a dare battaglia, con l’intento di ampliare la forbice tra sé e i propri concorrenti.

Obiettivo: ampliare il market share. Strategia: una guerra aperta e dichiarata. Non c'è andato davvero leggero James Vanderslice, presidente di Dell Computer e ha reso evidente il proprio fine: mettere fuori gioco i concorrenti con una politica commerciale e aziendale che ha molto il sapore di una lotta all'ultimo sangue.
Come? Semplicemente cogliendo la palla al balzo e approfittando del ribasso dei prezzi della componentistica (valutato dell'ordine dell'1% alla settimana) per rigirare tutto il risparmio sull'utente finale.
E qui Vanderslice riprende quello che è un vecchio cavallo di battaglia di Dell: il modello di vendita diretto adottato dalla società, sostiene infatti, consente di poter immediatamente ribaltare i vantaggi della congiuntura di mercato sul cliente, cosa impossibile per chi utilizza un modello commerciale articolato e che spesso deve fare i conti con una rotazione di magazzino vicina ai 60 giorni.
Ma non ci sono solo i prezzi nelle strategie di Dell. La società ha reso infatti nota la propria intenzione di rafforzare la sua posizione nell'area dei server e dello storage. In questo caso, l'idea sarebbe quella di procedere a una acquisizione. Il capitale disponibile ci sarebbe già: Vandeslice ha infatti parlato di 8 miliardi di dollari cash. Nessuna ipotesi sull'obiettivo invece, ma non si esclude che possa anche trattarsi di un player che utilizza un modello commerciale indiretto.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here