Guardano al 3G le ultime mosse italiane di Alcatel

Inaugurato a Milano il 3G Reality Center, basato sulla soluzione mobile Evolium, mentre la corporate stringe un’alleanza con Pirelli per integrare, nella medesima stazione base, un innovativo modulo optoelettronico.

5 dicembre 2003 Alcatel ha puntato l'attenzione sull'Italia per le proprie ultime mosse strategiche nel mercato mobile, in particolare indirizzato verso il nascente mondo delle soluzioni 3G. La società transalpina, infatti, ha da poco inaugurato, a Milano, un laboratorio, denominato 3G Reality Center, con l'intento di offrire un ambiente di rete end-to-end per operatori, fornitori di servizi e contenuti uno spazio dedicato allo sviluppo, validazione e test di applicazioni e servizi di nuova generazione mobile. Lo spazio fa leva sulla soluzione globale Evolium ed è centrato su due segmenti specifici: il video content delivery (streaming, scarico e video push) e la videocomunicazione (messaging, telefonia, videoconferenza e mailbox). Più in generale, il focus è spinto sul video streaming in tempo reale e sul broadcasting per l'ottimizzazione dei download e le applicazioni di videosorveglianza.


La scelta dell'Italia appare naturale, vista la diffusione della telefonia cellulare nel Paese, ma anche per l'integrazione possibile con le altre due facility di ricerca sul territorio, dedicate all'Umts e al multimedia. Sono in previsione accordi di partnership con operatori e fornitori di soluzioni a livello locale.


Inoltre, Alcatel ha annunciato un accordo con Pirelli per integrare il modulo optoelettronico sviluppato nei Labs della società italiana all'interno della propria stazione radio multistandard Evolium. L'intento è di arrivare a ridurre i costi delle reti 3G, utilizzando l'ambiente elettromagnetico. L'integrazione della tecnologia Pirelli consentirà ad Alcatel di potenziare il concetto di evoluzione da un'architettura con stazione base centralizzata a una piattaforma con diversi punti d'accesso radio distribuiti tutti connessi a una comune unità centrale.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here