Ottimizzare l’uso di Gmail

Ci sono pochi dubbi sul fatto che Gmail sia il servizio di posta più usato e che Chrome sia il browser più diffuso. Insieme i due "prodotti" di Google lavorano già bene, ma ci sono alcune estensioni del browser che permettono di usare Gmail con più comodità e in generale in maniera più produttiva. Perché la posta elettronica è un servizio essenziale, ma è anche una fonte di potenziali distrazioni.

Inbox When Ready

inbox-when-readyIn barba a chi vorrebbe risposte immediate a qualsiasi mail, controllare continuamente la casella della posta in arrivo non aiuta a lavorare meglio. Anzi il contrario. Idealmente bisognerebbe controllare Gmail poche volte al giorno e Inbox When Ready serve a questo scopo.

Non blocca completamente il funzionamento di Gmail ma nasconde la Inbox, lasciandoci invece modo di inviare messaggi ed eseguire ricerche sulla posta che già c'è. Serve quindi a limitare la consultazione compulsiva della posta mentre dovremmo fare altro: in teoria solo quando abbiamo tempo dovremmo "liberare" la Inbox e visualizzarla. Certo ci vuole un po' di disciplina.

Checker Plus for Gmail

checker-plusSe l'approccio di Inbox When Ready vi pare troppo drastico, Checker Plus può fare da filtro in maniera più soft. Inserisce un piccolo pulsante nella barra di Chrome, per mostrare il numero di messaggi da leggere, e attiva un sistema di notifiche simile a quello di macOS.

L'idea è quella di configurare questo sistema di notifiche in modo che ci vengano segnalati solo i messaggi davvero importanti, in modo da non sentirci spinti a verificare la Inbox ma anche da non essere disturbati per messaggi poco importanti.

Send from Gmail

send-from-gmailSend from Gmail è un'estensione più orientata alla comodità che non a impedirci distrazioni. Inserisce un pulsante nella toolbar di Chrome che, se premuto, attiva una finestra per la composizione di un messaggio Gmail senza dover andare in modo specifico nella pagina del nostro account di posta.

Inoltre intercetta tutti i clic sui link ipertestuali che attivano la composizione di un messaggio. In questo modo non si lancia il client di posta elettronica di default impostato in macOS (di solito Mail) ma sia apre la citata finestra dell'estensione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here