I grandi gruppi si affidano a blockchain per la sicurezza del food

Walmart, Kroger e altri retailer stanno cercando di utilizzare blockchain per aiutare a prevenire i 48 milioni di malattie di origine alimentare che ogni anno colpiscono gli Stati Uniti.

Nell'agosto 2017, dieci delle più grandi aziende alimentari del mondo hanno collaborato con Ibm per integrare la nuova tecnologia nelle loro catene di fornitura.

Nomi come Walmart, Nestle, Unilever, McCormick, Tyson, Kroger, McLane, Driscoll' s, Dole e Golden State Foods rappresentano più di 500 miliardi di dollari in vendite complessive annue globali. Attraverso la partnership, la piattaforma di Ibm aiuterà le aziende alimentari ad aumentare la visibilità della supply chain e la tracciabilità.

Blockchain per 48 milioni di malati

Secondo il CDC, la contaminazione di origine alimentare provoca una malattia a 48 milioni di americani, 128.000 ricoveri ospedalieri e 3.000 decessi ogni anno. La produzione provoca quasi la metà delle malattie (a causa del norovirus), mentre il pollame provoca la maggior parte dei decessi (soprattutto a causa della listeria e della salmonella).

Quando si verifica una contaminazione a causa di registrazioni non chiare, le aziende possono impiegare giorni o addirittura settimane per rintracciare la fonte di un'infezione e richiamare i prodotti.

Ad esempio, nel 2006 tre persone sono morte e quasi 200 si sono ammalate dopo aver mangiato spinaci contaminati da E. Coli. Poiché la FdA non poteva identificare con sicurezza le confezioni da ritirare dal mercato ha raccomandato agli americani evitare di mangiare qualsiasi tipo di spinaci freschi. L'industria degli spinaci ha subito perdite per 74 milioni di dollari.

Usando blockchain le aziende alimentari possono risalire molto più rapidamente alle fonti specifiche di focolai. Ciò potrebbe contribuire ad aumentare la sicurezza dei consumatori limitando nel contempo le perdite finanziarie, in quanto occorrerebbe ricordare solo i prodotti direttamente colpiti.

Identificativi legati all'origine dei prodotti

Le aziende alimentari possono allegare alle spedizioni etichette dell'Internet degli oggetti collegati, assegnando a ogni spedizione un numero di identificazione univoco. Questi ID saranno legati all'origine dei prodotti, ai dati di elaborazione, alle temperature di conservazione, alle date di scadenza e ad altre informazioni. In ogni fase della catena di fornitura, i dipendenti possono semplicemente effettuare il check-in del prodotto utilizzando il suo numero ID, e blockchain seguirà in modo sicuro il prodotto nel tempo attraverso i punti di controllo.

I dipendenti possono anche inserire un numero ID per visualizzare i dati in tempo reale su un prodotto e la sua storia - un miglioramento significativo rispetto al richiamo di diverse parti e l' invio di documenti tra più persone.

Walmart, uno dei più grandi dettaglianti di generi alimentari degli Stati Uniti, è stato un pioniere nell'uso di blockchain per sostenere la sicurezza alimentare. Il rivenditore ha iniziato un pilota con Ibm nell'autunno 2016, cominciando con le spedizioni di carne di maiale in Cina. Walmart ha giudicato il suo pilota un successo.

Nella sua riunione degli investitori del 2017, il VP di Walmart con delega alla sicurezza alimentare Frank Yiannas ha osservato che con la catena a catena a blocchi, poteva estrarre le informazioni di tracking di un prodotto in meno di tre secondi, mentre tradizionalmente ci voleva una settimana.

A seguito di questo successo, l' azienda ha ampliato il processo, aggiungendo tracking di manghi messicani, e poi tracciare i tacchini in partnership con il fornitore di carne Cargill. Ora, in qualità di membro del consorzio di Ibm, Walmart continuerà probabilmente ad espandere il suo utilizzo di blockchain.

La startup per la tracciabilità

Oltre a Ibm anche alcune startup si stanno muovendo in questo senso rivolgendosi ai fornitori di cibo e promettendo loro nuovi modi per promuovere i loro prodotti. Provenance serve oltre 200 aziende alimentari con software di tracciabilità dei prodotti. La società nel dicembre 2017 ha annunciato una nuova partnership con Unilever, Sainsbury's e altri per monitorare la sostenibilità sociale e l'efficienza finanziaria attraverso le supply chain.

Arc-Net ha collaborato con PwC Olanda nell'agosto 2017 per combattere la frode alimentare (la sostituzione intenzionale, l'aggiunta, la manomissione o la falsa dichiarazione di alimenti, ingredienti o imballaggi), un problema che secondo PwC costa all'economia globale oltre 40 miliardi di dollari l’anno.

Altre nuove aziende si concentrano sul sostegno ai piccoli agricoltori migliorando la tracciabilità dei prodotti. Bart. Digital, con sede in Brasile, fornisce una documentazione finanziaria sicura per i piccoli agricoltori. Bext360 del Colorado, che si rivolge specificamente al caffè equo e solidale.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here