Focus su Byod ed Sdn nell’architettura Enterasys

Mobilità, datacenter e Software defined networking per il brand che punta a reti flessibili e in grado di rispondere in real time alle esigenze delle applicazioni.

Trasformatasi da networking company specializzata nella vendita di switch per datacenter a una realtà focalizzata in ambito wireless, l'evoluzione tecnologica tracciata da Enterasys Networks prosegue, anche nel 2013, nel segno di IdentiFi,
tecnologia presentata alla fine dello scorso anno, che spinge sulla
densità e l'analisi del traffico per garantire la qualità della
connessione e della navigazione in ogni tipo di ambiente.

Attenta a cogliere i paradigmi di aziende di grandi e medie dimensioni “in cerca di reti in grado di erogare un adeguato servizio”, la roadmap tecnologica riportata da Matteo Baroni
(nella foto), in qualità di territory manager North Italy di Enterasys
Networks, guarda con interesse ai datacenter di taglio enterprise “cui proporre un Tco estremamente più efficace rispetto alle proposte che arrivano dal resto del mercato”.
Ma non solo.

Stando a quanto dichiarato, due linee guida cominciano ad affacciarsi sul mercato.
Una, riassunta nell'acronimo Snd, parla di Software-defined networking come “anticamera” del Software-defined datacenter, l'altra di Application layer visibility, o visibilità a livello applicativo.
Il primo - spiega Baroni - è un paradigma che toglie
intelligenza dell'hardware per portarla all'applicativo rendendo
possibile la creazione di reti flessibili e in grado di rispondere in
real time alle esigenze delle applicazioni. L'altro presuppone che, per
prendere decisioni “intelligenti” la rete debba poter riconoscere le applicazioni che afferiscono alle diverse aree del business
”.

Trend di mercato, che Enterasys Networks ha tutta l'intenzione di
trasformare in nuovi prodotti o in evoluzioni di soluzioni già
esistenti, da presentare nel corso di quest'anno.
In tema Byod - ricorda Baroni -, all'interno di
una proposta di architettura di Wi-fi l'attenzione è su come gestire i
nuovi processi, ma soprattutto le vulnerabilità alle quali si va
incontro con il proliferare dei device mobili non necessariamente di
proprietà aziendale, che mettono a rischio la sicurezza della rete e
della proprietà intellettuale in essa contenuta
”.

Qui si posizione la piattaforma IdentiFi, di cui Enterasys rilascerà nei prossimi mesi nuovi access point e ulteriori funzionalità “concentrandosi
non solo sulle interferenze di altri sistemi Wi-fi ma su tutte le
tecnologie che operano sulle medesime frequenze e che possono creare
disturbo alla rete
”.
Accento, dunque, sulla qualità del servizio ma anche sulle architetture Sdn e che Baroni definisce “un
modo di gestire le reti che, solo in un secondo momento, si traduce in
prodotti in grado di pilotare l'infrastruttura per far sì che gli
instradamenti seguano la logica OneFabric Control Center sviluppata da Enterasys
”.

Da qui alla soluzione Datacenter manager proposta ormai da
un anno e mezzo per gestire dall'esterno i flussi delle macchine
virtuali all'interno di un datacenter il passo è breve e coinvolge anche
il protocollo Enterasys virtual switch bondinglanciato per rendere più virtuale il concetto della rete e semplificare, di conseguenza, le configurazioni da realizzare”.
Nella medesima direzione va letto il set di protocolli denominato Datacenter Bridging, che il vendor ha già reso disponibile sulle macchine rilasciate negli ultimi sei mesi “per gestire la magliatura delle connessioni all'interno di un datacenter”.

L'integrazione con software di gestione e soluzioni di Mobile device management restano, infine, tra i “must” da realizzare a completamento dei prodotti Enterasys che conferma, in questo modo, la volontà di realizzare “una gestione unica, astratta e in grado di tenere sotto controllo l'intera infrastruttura aziendale”.
L'obiettivo si conferma offrire ai clienti una maggiore visibilità di
cosa sta passando sulla loro rete, così da rendere possibile
l'intervento diretto su instradamento e qualità del servizio in ottica Sla.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here