Finestra di backup e troppi tool, disagio superabile

Acronis interviene nel dibattito su come ridurre le latenze, prospettando soluzioni univoche e pure.

Per il country manager di Acronis, Mauro Papini, la tematica della finestra di backup come qualcosa di ingombrante, invadente e antieconomico è cosa nota.

Ci ricorda come la società abbia poco pubblicato i risultati del Global Dr Index, relativamente alla fiducia riposta dalle aziende nella propria preparazione, nella capacità e nelle pratiche operative relative a backup e disaster recovery, da cui
emerge sicuramente il disagio.
Le aziende rispondenti non appaiono fiduciose nella possibilità di ripristinare i propri dati nel 55% dei casi. D'altro canto una sue due utilizza più di una soluzione in produzione.

«La nostra ricerca - dice Papini - si focalizza sul mercato Smb, nel senso che al termine danno i mercati anglofoni e, per quanto riguarda il nostro paese, il 60% dei rispondenti ha meno di 100 postazioni. A livello italiano si parla di circa 250 aziende rispondenti».

Acronis ha affrontato la questione da tempo: «da oltre due anni - dice Papini - abbiamo una soluzione al problema, con la piattaforma Backup & Recovery, ora alla versione 11. Abr11 è una piattaforma unica e unificante che permette Dr/Backup in ambienti client/server multipiattaforma, ibridi fisico virtuali e cloud».

Semplificarsi la vita
Per Papini il mercato vuole semplificarsi la vita: «un unico strumento parrebbe la cosa migliore. Lo dice il 76% di chi ha risposto alla nostra indagine. Tuttavia, c'è anche un forte orientamento verso soluzioni pure. Per la virtualizzazione, ad esempio, esiste ed è manifesto un interesse verso soluzioni dedicate ed ottimizzate rispetto all'hypervisor.
Per questa ragione l'anno scorso abbiamo lanciato vmProtect 6, una soluzione pura per Vmware vSphere, di cui a brevissimo lanceremo una nuova versione dedicata al solo vSphere, gestibile via web ma integrata con vCenter, che massimizza le prestazioni delle vStorage Api di Vmware
».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here