Fibra cinese per L’Aquila

I sistemi FTTB di Zte portano i 100 Mb alle palazzine ecocompatibili del capoluogo abruzzese. L’insediamento è quindi “Next Generation” sia per gli edifici, sia per le reti.

La necessità di cablare l'Italia in fibra ottica per aumentare la produttività del sistema-Paese è un argomento sempre più frequentemente dibattuto, ma per molti motivi i piani in questa direzione non si avviano mai. Curiosamente spesso mancano le informazioni sui progetti pilota annunciati in tal senso.

Recentissimo è invece l'esempio di rete in fibra sul suolo italiano installata nei 4.600 appartamenti del progetto Case di L'Aquila, gli appartamenti costruiti a tempo di record e consegnate alle popolazioni terremotate. L'impianto telematico è frutto di una nuova collaborazione tra Telecom Italia e la Zte, secondo un ampio piano comune iniziato già nel 2007.

La scelta di dotare proprio queste abitazioni della NGN -next generation network- rientra in un più ampio modello di case del futuro, visto che le nuove reti consentono un risparmio energetico che può giungere fino al 60% rispetto alle soluzioni attuali: d'altronde l'acronimo Case sta per “Complessi Antisismici Sostenibili ed Ecocompatibili”.

“Il popolo cinese è molto sensibile verso i disastri naturali”, ha detto Fabio di Marco, Direttore Marketing di Zte Italia, “per cui l'azienda che rappresento è stata ben lieta di investire in apparecchiature proprio a L'Aquila. L'iniziativa, denominata l'Aquila Ultrabroadband Project, fa parte del progetto NGN di Telecom Italia, già iniziato in alcuni siti scelti tra Roma e Milano.

La collaborazione di Zte all'impianto dell'Aquila non è un semplice aiuto, né solo una dimostrazione di fattibilità del FTTx. I 100 Mb, infatti, sono impiegati per la sperimentazione di nuovi servizi che li giustifichino in vista d'un vero mercato ad alta velocità: non solo IpTv e teleconferenza, ma anche telesorveglianza efficace e molte altre proposte rese possibili dalle tecnologie di nuova generazione.

Nelle fibre ottiche le aziende cinesi sono avvantaggiate rispetto ai concorrenti europei e statunitensi.
 
L'enorme bacino di popolazione mette a disposizione un elevatissimo numero di ingegneri, secondo modelli di business diversi da quelli della classica imprenditoria libera. “Nella fotonica servono molti ingegneri: parecchie migliaia, quando non decine di migliaia”, ha detto il manager di Zte, “e il sistema-Paese Cina può metterli a disposizione”. Senza contare che gli apparati orientali, non dovendo avere a che fare con una base installata, sono completamente riprogettati ed ottimizzati, con una riduzione del numero di dispositivi necessari al servizio completo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here