Fatture elettroniche tra privati: ecco l’app delle Entrate per generarle, trasmetterle e conservarle online

Fatture elettroniche

E’ disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, la prima versione dell’applicazione web gratuita "Fatture e Corrispettivi" con la quale i contribuenti con partita Iva possono generare, trasmettere e conservare le fatture elettroniche (Dlgs n. 127/2015).

Il servizio, realizzato dalle Entrate con la collaborazione del partner tecnologico del Mef, Sogei, può essere utilizzato da tutte le imprese, gli artigiani e i professionisti, sia nel caso di fatture destinate a privati (B2B), sia per quelle rivolte alla Pubblica Amministrazione.

La web application "Fatture e Corrispettivi" è raggiungibile sul sito delle Entrate: per l'accesso è necessario utilizzare le credenziali fornite agli utenti dei servizi telematici dell’Agenzia, di Spid e della Carta Nazionale dei Servizi (CNS).  Per i cittadini l’Agenzia ha anche realizzato un sito di assistenza (https://goo.gl/LnhLVW) dove vengono illustrate, in maniera semplice e chiara, le modalità di utilizzo del nuovo servizio.

La nuova applicazione è stata progettata per permettere agli utenti, attraverso pochi passaggi guidati, di creare, visualizzare e salvare le fatture elettroniche e di scegliere quando e come inviarle ai propri clienti. In particolare, per la trasmissione delle fatture, dal 1° gennaio 2017 i fornitori di beni e servizi potranno scegliere anche il Sistema di Interscambio, al momento obbligatorio per i fornitori della Pubblica Amministrazione. Infatti, a partire dall’anno prossimo il Sistema di interscambio aprirà alla fatturazione tra privati, come opzione facoltativa.

Nei prossimi mesi, inoltre, l’Agenzia rilascerà l’applicazione anche in formato di app per smartphone e tablet, in modo da ampliarne l’utilizzo in mobilità a tutti gli utenti.

Nei prossimi mesi, inoltre, l’Agenzia rilascerà l’applicazione anche in formato di app per smartphone e tablet, in modo da ampliarne l’utilizzo in mobilità a tutti gli utenti, a prescindere dal dispositivo elettronico posseduto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome