Extreme semplifica il design della rete per fare meglio il cloud

Lo fa con M-Lag Direct Attach, che toglie di mezzo i progetti basati su algoritmi spanning tree e favorisce architetture altamente virtualizzate.

L'emergere di architetture cloud, private e pubbliche, ha imposto all'infrastruttura di networking il compito di supportare la virtualizzazione.

La mobilità delle virtual machine associata alle risorse cloud dinamiche e condivise è pertanto divenuta estremamente complessa a causa dell'obsolescenza dei progetti di rete basati su algoritmi di tipo spanning tree.

Allo scopo Extreme Networks ha realizzato una nuova architettura di rete tesa a incrementare le performance dei data center e dei cloud di prossima generazione grazie all'integrazione fra le funzioni di switching Direct Attach Virtual Machine con Multi-System Link Aggregation (M-Lag), ottenendo un'architettura M-Lag Direct Attach capace di garantire uno switching ad alte prestazioni per ambienti virtualizzati.

L'architettura, di fatto, mira a ridurre la complessità, semplificando il design della rete e aumentandone le performance.

Le soluzioni per data center come gli switch BlackDiamond e Summit, riporta una nota della società, permettono a Extreme di garantire prestazioni raddoppiate rispetto alle architetture spanning tree, fornendo una soluzione più semplice e competitiva su implementazioni Trill pre-standard.

La release 12.5 di ExtremeXos permette di caricare il software di supporto per l'architettura Direct Attach, il supporto network-level di Virtual Ethernet Port Aggregator (Vepa) e M-Lag per l'intero portafoglio di switch modulari BlackDiamond e degli switch stackable fissi della gamma Summit.
L'architettura Direct Attach consente l'eliminazione degli switch virtuali dalla rete aumentando le performance degli ambienti virtualizzati.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here