Il cloud lab di Ericsson nel vivo del 5G con SoftFire

Entra nel vivo il progetto europeo SoftFIRE (Software Defined Networks and Network Function Virtualization Testbed within FIRE+) con un cloud lab e una open call della durata di tre mesi aperta a Pmi, startup, sviluppatori, centri di ricerca e università e un hackathon a tema 5G.

SoftFIRE è un insieme di ambienti cloud e piattaforme aperte, sviluppate a livello locale, nazionale ed europeo, e integrate in una unica infrastruttura federata sperimentale, affidabile e diversificata.

Questa infrastruttura cloud integrata viene offerta a terze parti e ha quindi l'obiettivo di abilitare e sostenere un ecosistema di aziende e sviluppatori interessati a testare il funzionamento di nuovi servizi e applicazioni su tecnologie NFV/SDN e in prospettiva sulle reti 5G. Il tutto in un paradigma di open innovation.

SoftFIRE si pone l’obiettivo di supportare tre elementi chiave quali la programmabilità, la sicurezza e l’interoperabilità. Il progetto europeo ha una durata di 27 mesi, con un budget di oltre 4 milioni di euro, la metà dei quali dedicato a terze parti per permettere di integrare le loro soluzioni ed applicazioni sulla rete SoftFIRE, così da fare sperimentazioni utilizzando le risorse e le capacità delle reti di telecomunicazioni su tecnologie SDN/NFV.

In questa open call, la terza del progetto europeo, SoftFIRE riceverà proposte per esperimenti su temi come sicurezza NFV, programmabilità SDN, ed evoluzione della software architecture verso il 5G.

Per conoscere lo stato dell'arte in materia di 5G leggi il nostro speciale

Sarà un'opportunità per gli sperimentatori di proporre nuove soluzioni, applicazioni e servizi orientati al 5G. È possibile sottoporre la propria candidatura fino al 20 settembre 2017. SoftFIRE metterà a disposizione dei soggetti selezionati fino a 50 mila euro (per un totale di 850 mila euro) e tre mesi di accesso alla piattaforma cloud federata dove sperimentare le proprie idee orientate al futuro.

Inoltre il 7 e 8 novembre 2017, nel contesto della 5G Week di Berlino e del FUSECO Forum, si svolgerà un hackathon destinato a team di persone che dovranno sviluppare applicazioni, servizi innovativi e funzioni in ottica 5G attraverso una piattaforma NFV/SDN. È possibile registrarsi all’hackathon fino al 27 ottobre 2017.

Com'è fatto SoftFIRE

La piattaforma federata è composta dalle infrastrutture gestite dai partner del consorzio: Ericsson, EIT Digital, Deutsche Telekom, Fraunhofer FOKUS, Reply, Technical University Berlin, University of Surrey, e sarà utilizzata da aziende, startup, sviluppatori, centri di ricerca e università, che avranno risposto alle open call internazionali. Le realtà selezionate testeranno servizi e applicazioni appartenenti a vari settori come la sicurezza, la realtà virtuale, le comunicazioni satellitari, lo streaming e il mobile cloud gaming, con un’attenzione particolare a indicatori quali la Quality of Experience (QoE) e la Energy Efficiency (EE).

SoftFIRE comprende diversi testbed indipendenti che sono stati impostati al fine di esplorare e consolidare la ricerca e lo sviluppo in settori strettamente legati alla NFV/SDN. L’integrazione, gestita da Ericsson, è tra i seguenti testbed: il Cloud Lab di Ericsson a Roma, il Multi Radio Access Technology (MultiRAT) Testbed di Deutsche Telekom a Berlino, il UoS 5GIC testbed dell’University of Surrey a Guildford (UK), il FOKUS di Berlino.

Nel 2015 Ericsson ha aperto il suo primo Cloud Lab in Italia, e tra i primi in Europa, per accelerare l’innovazione e i processi di co-creazione con i principali operatori di telecomunicazioni. Il laboratorio, situato nel campus di Ericsson a Roma, è un ambiente software e hardware aperto e multi-vendor, dove si rendono disponibili le tecnologie di virtualizzazione delle funzioni di rete (NFV) e Software-defined networking (SDN) per il cloud. Attraverso la combinazione degli approcci di Network-enabled Cloud, Service Provider SDN, e Network Functions Virtualization (NFV), gli operatori possono semplificare le loro reti, rimuovere le complessità riguardanti la topologia e quindi accelerare il processo di creazione ed erogazione di nuovi servizi, che può coinvolgere altri partner e sviluppatori di applicazioni quando richiesto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here