“Emc licenzia, ma e “”normale”””

Con molta discrezione, Emc, l’azienda specializzata in soluzioni di storage, ha deciso il licenziamento di alcune centinaia di suoi dipendenti. L’operazione non è stata annunciata pubblicamente e ha suscitato un po’ di sorpresa in un settore fin

Con molta discrezione, Emc, l'azienda specializzata in soluzioni di
storage, ha deciso il licenziamento di alcune centinaia di suoi
dipendenti. L'operazione non è stata annunciata pubblicamente e ha
suscitato un po' di sorpresa in un settore finora rimasto immune dai
venti di crisi che hanno investito altre aziende informatiche. I
funzionari di Emc si sono affrettati a precisare che la dismissione
riguarda appena il 3% di una forza lavoro costituita da 24.000
dipendenti ma la cosa avviene poche settimane dopo la pubblicazione
di una trimestrale caratterizzata da una crescita del 49% degli utili
di Emc. Secondo la diretta interessata, la riduzione del personale è
legata a un accurato processo di revisione annuale affidato ai
responsabili di dipartimento e si basa unicamente su criteri di
rendimento individuale, così come era accaduto nel 1995, quando il
10% del personale si era vista recapitare la lettera di
licenziamento. La manovra non sarebbe dunque legata a considerazioni
di costo ma di efficienza. "Abbiamo lasciato andare solo le persone
che ricoprono ruoli oggi non necessari", ha specificato un portavoce,
aggiungendo che Emc è ancora intenzionata a inserire 7mila nuove
assunzioni in azienda entro l'anno e confermando l'obiettivo di
crescita di fatturato del 35% fino a 12 miliardi di dollari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here