Anche l’Edilizia è 4.0: nasce AssoBIM

È nata AssoBIM, associazione che si ripromette di digitalizzare il settore edile.

AssoBim ha l’obiettivo di rappresentare l’intera filiera tecnologica del Building Information Modeling (BIM), ovvero la progettazione virtuale delle costruzioni tramite software.

La nuova associazione, infatti, nasce per rappresentare l’intera filiera tecnologica del Building Information Modeling (BIM), una tecnologia utilizzata in campo edile che permette di virtualizzare la costruzione e di razionalizzare le informazioni, migliorando il coordinamento tra i vari attori, con conseguente ottimizzazione dei costi e riduzione di imprevisti nei cantieri.

TeamSystem ha annunciato di essere tra le aziende fondatrici di AssoBIM, sposando l’obiettivo di diffondere sempre più l’approccio metodologico della prossima Edilizia 4.0: il Gruppo mira a fare sistema e a spingere la trasformazione digitale anche nel settore edile.

Sono soci fondatori di AssoBIM Anafyo, BIMobject, Contec Ingegneria, DVA- Bimfactory, Edilclima, GRAPHISOFT, Lemsys, Logical Soft, MC4Software, OneTeam, PlusARCH, Progetto CMR, STA. Data, Servizi Tecnici B&G e STR- TeamSystem.

Come ha detto Cristiano Zanetti, Vertical Business Director di TeamSystem, “Crediamo fortemente che la trasformazione digitale possa offrire enormi opportunità anche in un settore strategico per l’Italia come quello dell’edilizia. Un settore che ha bisogno di cavalcare questa onda di cambiamento per tornare a crescere e a essere competitivo. Ecco perché abbiamo deciso, insieme ad altre aziende, di fondare AssoBIM, che ha lo scopo di creare le condizioni affinché la tecnologia del Building Information Modeling possa rappresentare uno dei punti fermi della futura Edilizia 4.0, partecipando attivamente anche alla formazione della legislazione in materia e alla diffusione culturale di questo approccio digitale nel settore”.

Per Adriano Castagnone, di STA Data e presidente di AssoBIM, "Le attese sono molto forti e i problemi da affrontare anche. Al di là degli aspetti tecnologici, il grande cambiamento richiesto dal BIM parte dalla modalità di reazione tra i diversi operatori del settore edile: dai committenti ai progettisti, alle imprese edili e di manutenzione, ai produttori di materiali. Dominatore comune per tutti sono i programmi e l’impegno di sviluppatori e distributori di software e servizi”. 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here