Anche le edicole forniscono servizi digitali

Le edicole stanno cambiando pelle e si orientano a offrire servizi digitali ai cittadini. Avviene a Milano e Vigevano dove in 250 edicole, oltre all’acquisto di giornali o abbonamenti,è possibile pagare le raccomandate che vengono preparate su un apposito sito.

Una volta ricevuto il codice della raccomandata lo consegnano all’edicolante che conclude l’operazione: la raccomandata arriverà in forma cartacea al destinatario, stampata da un centro unico per tutta Italia e postalizzata secondo i tradizionali canali.

L’edicola può distribuire anche gift card di diversi marchi e produttori che permettono ai cittadini di fare acquisti di beni di qualsiasi tipo: dall’abbigliamento ai libri, dai buoni carburanti alle ricariche di Pay TV.

Le dorsali digitali

Queste iniziative sono possibili implementando il modello delle dorsali digitali proposto da Arxit.
La società spiega che ci sono due tipi di dorsali digitali. Le prime sono quelle che fanno riferimento al territorio come le edicole, esercenti, benzinai, e sono fatte da una rete di touch point che mettono direttamente a disposizione dei consumatori nuovi servizi. Poi ci sono quelle di tipo enterprise, come la dorsale Food, Benessere e Salute in cui il valore delle imprese viene potenziato con la logica delle offerte complementari.

Il modello doi Arxit prevede la costituzione di una società di gestione per ogni singola dorsale presente sul territorio: ne fanno parte Arxit e altri soci provenienti da uno specifico settore. I processi di vendita sono disegnati da Arxit per ciascuna realtà e vengono sviluppati e realizzati dalla società di gestione.

I processi disegnati da Arxit per le imprese vengono resi operativi da una infrastruttura digitale; nel caso della dorsale delle edicole è stata realizzata da iNexti. Le edicole che costituiscono la dorsale hanno accesso gratuito all’infrastruttura diventando così touch point sul territorio per le aziende.

Economia circolare per le aziende

Per le aziende le dorsali sono infrastrutture abilitanti, modulari e fruibili a seconda delle specifiche esigenze di business, in modalità pay per use. Permettono alle imprese di proporre in maniera dinamica le proprie offerte direttamente ai consumatori e di variare anche la tipologia di offerta proprio in base alle loro risposte. Il tutto avviene in una logica di economia circolare che ottimizza le azioni, riducendo gli sprechi e creando valore.

Per l’azienda il processo di digitalizzazione diventa una commodity, facile da adottare e da usare, dà la possibilità di comunicare e ingaggiare il consumatore in modo diretto e consente di condividere le informazioni raccolte sul campo con il management per adeguare tempestivamente, in maniera opportuna, le azioni di business. Il prodotto o il servizio arriva al consumatore senza intermediazioni con tutto il valore che l’impresa stessa è stata in grado di generare.

La soluzione implementata da Arxit è basata sul Dx Marker, tecnologia che va a sostituire il tradizionale QR code, con cui le aziende hanno l’opportunità di interagire con i clienti, condividendo contenuti multimediali dedicati e offrendo la possibilità di effettuare direttamente operazioni come prenotare o pagare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome