E-gov, promesse mancate?

Approvato il piano ministeriale, restano ancora molto lacunose le direttive per attuarlo

11 novembre 2002 Mettici le ristrettezze di bilancio. Mettici una
difficoltosa creazione del consenso nell'esecutivo su un tema apparentemente
immateriale. Mettici le urgenze, drammatiche, di ogni periodo della vita.
Mettici le inevitabili camarille interpersonali, interschieramento,
interlobbistiche. Mettici che Internet va bene, come parola da spandere, ma
quando c'e' da spendere per coniugarla a qualcosa di fattivo, sono i soliti
dolori.
C'e' che e' stato, finalmente, approvato il piano per
l'e-government
, faticosamente (e' una notazione apolitica, questa)
elaborato da Lucio Stanca e staff nell'ultimo anno.
Il
Ministro per l'Innovazione si e' poi trovato a dover coniugare il piano
alla finanziaria
, cioe' a lavorare con quei pochi soldi assegnatigli
dall'esecutivo nel quale, con vecchia locuzione egli non e' dotato di
portafoglio.
Comunque, qualcosa, al piano, e' stato devoluto.
Stanca,
allora ha illustrato il suo progetto, facendo anche i cosiddetti "nomi e
cognomi", cioe' indicando in quali settori e a quali progetti saranno
indirizzati i milioni di euro ricevuti in dote. Prassi inconsueta, questa, e
quindi lodevole, nel comportamentismo ministeriale.
Solo che lo ha
fatto a meta'
.
Nel capitolato di spesa, infatti, appaiono parecchi
milioni (non tediamoci, qua, con le cifre: controllarele su
mininnovazione.it) destinati a generici
"portali".
Posto che, in Internet, tutto e' portale, e'
come se il Ministero della difesa, in un'inconsueta spiegazione delle proprie
spese, avesse addotto la voce "soldati". Sara' la persistenza di questa, forse
incancellabile, area grigia nell'indagine di cosa solitamente fa dei soldi
pubblici un ministero, che produce altrettanto grigiore nelle nostre analisi.

Cosa significa portali? A beneficio di chi? Per fare cosa? Con quali
partner? E, poi, perche' cosi' pochi soldi per interfacciare l'informatica del
cittadino con l'unica cosa che puo' salvarlo, la sanita'?

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here