Dot.Com declina Android per forza vendita, logistica e marketing

Una solida esperienza nel mondo It travasata nel nuovo ambiente delle app. È  questo il percorso di Dot.Com, software house e system integrator, concessionaria Passepartout e quindi specializzata nei gestionali per le piccole e medie imprese. L’apertura alle applicazioni mobile ha permesso alla società di Belluno di allargare la gamma di offerta con un’area di business che oggi vale circa il 30% del fatturato aziendale.

 

Focus su Android

dotcom logoDot.Com, come spiega il responsabile commerciale Carlo Celi, ha sviluppato una serie di app per il mondo Android grazie alle quali ha allargato il raggio della clientela oltre al mondo Passepartout. Stiamo parlando dell’applicazione per la presa ordini degli agenti che gira su Android, “una delle poche app di questo tipo per il sistema operativo di Google”, aggiunge Celi. Si tratta di WorkinCloud, tipica applicazione per la forza vendita, che possiede funzioni dedicate al settore dell’occhialeria che ha nel Bellunese il suo distretto, da utilizzare con i tablet, ma funziona anche con smartphone, che permette di scaricare listini, anagrafiche e immagini, registrare la visita, gli ordini e il preventivo. L’app funziona anche senza la connessione a Internet e può prevedere vari livelli di autorizzazione a seconda della figura aziendale.
Altra app, MxWarehouse, riguarda la gestione delle movimentazione del magazzino con la possibilità di verificare la disponibilità degli articoli, creare il documento di scarico e la packing list, verificare l’ubicazione dell’articolo in magazzino e inserire carichi e scarichi.

IoT e Beacon al centro dell'attenzione 

Più verticale l’applicazione destinata alle aziende che operano nel settore della distribuzione di energia. In questo caso parliamo di un’altra applicazione Android per gli addetti alla lettura dei contatori. È poi in fase di sviluppo avanzato un’app IoT per il proximity marketing per la gestione dei dispositivi tipo Beacon. La tecnologia basata sul Bluetooth che consente di trasmettere e ricevere messaggi entro brevi distanze, viene in questo caso proposta per sostituire le audio guide dei musei con un’applicazione che offre funzionalità per i visitatori, come la descrizione dei quadri che stanno osservando con l’aggiunta di un video, e per il museo che può proporre percorsi mirati e ricevere statistiche sulle visite.

Accanto alle app per il mondo Android, Dot.Com ha iniziato a sviluppare anche una versione per iOS di WorkinCloud anche se Celi rimane convinto che il vero mercato sia quello del sistema operativo di Google “per una questione di costi e a causa anche di una certa saturazione dell’ambiente iOS”.

WorkInCloud
Developer: Dot.Com srl
Price: Free
MXwarehouse
Developer: Dot.Com srl
Price: Free
The app was not found in the store. 🙁 #wpappbox

Links: → Visit Store → Search Google

Per tornare alla guida agli sviluppatori italiani di App, clicca qui

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here