Dopo aver ridotto i costi ora Alcatel vuole guadagnare market share

Se le vendite andranno secondo le aspettative, la società potrebbe tornare a essere profittevole nel 2002

Approntata una seria politica di riduzione dei
costi Alcatel mira a tornare a essere profittevole. A tale scopo il
vendor francese starebbe pianificando la conquista di nuove quote di mercato a
danno dei propri competitor. E secondo il suo Ceo, Serge Tchuruk, "i presupposti per
riuscirci ci sarebbero tutti".
In un recente incontro con gli analisti di
mercato la società ha annunciato che i ricavi attesi per quest'anno saranno di
poco inferiori a quei 26,7 miliardi di euro riportati lo scorso anno. Questo
sebbene all'inizio di questo mese Alcatel abbia annunciato che le perdite nette
per il 2001 saranno nell'ordine dei 5 miliardi di euro.
Da parte sua Tchuruk
confida in una ripresa dell'industria in generale e del mercato telecom in
particolare, tanto da prevedere per quest'ultimo una crescita dei ricavi nei prossimi 12 mesi dal 10
al 15%.
Com'era prevedibile, negli Stati Uniti - dove Alcatel ha subito le
perdite più rilevanti - le previsioni sono meno rosee. Qui la spesa in telefoni
cellulari è prevista crollare dai 92 miliardi di dollari registrati quest'anno,
agli 80 miliardi previsti per il 2002. Nonostante ciò, contrariamente a vendor
come Philips, che si sono chiamati fuori dalla produzione di apparecchi
cellulari, Alcatel ha affidato in outsourcing a Flextronics la produzione dei
propri apparecchi Gsm. E ora qualcuno sostiene che per guadagnare nuovamente
quote di mercato la società avrà bisogno di combinare il proprio business con
qualcos'altro, probabilmente attraverso una serie di
partnership.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here