Didier: far percepire il software come asset

Oltre a essere direttore antipirateria di Microsoft, Norberto Didier è anche vice presidente di Bsa e license compliance manager. Una doppia veste che gli permette di avere un punto di vista privilegiato sul fenomeno della pirateria. «Quel …

Oltre a essere direttore antipirateria di Microsoft, Norberto Didier
è anche vice presidente di Bsa e license compliance manager. Una doppia
veste che gli permette di avere un punto di vista privilegiato sul fenomeno
della pirateria. «Quello delle copie illegali è un problema
che non coinvolge solo i big»
. Didier si riferisce alle software
house italiane new entry in Bsa. L'unione fa la forza, anche se Microsoft non
rinuncia ad agire in proprio e da una parte lavora sui punti vendita (il 35%
del canale opera in forma illecita) con pubblicazione dei nomi dei colpevoli
e dall'altra aiuta le aziende a gestire il Software asset management (Sam).
A questo proposito Microsoft ha realizzato una guida con l'Università
Bocconi. «Oltre tremila aziende l'hanno richiesta» racconta
Didier che, all'azione repressiva, accompagna un lavoro destinato a convincere
le aziende dell'importanza della gestione del software nella governance. «Bisogna
alzare la cultura e per questo abbiamo partner dotati di una speciale certificazione
che lavorano con i clienti sul Software asset management. Le aziende percepiscono
il software come bene intangibile e non come asset
- si rammarica -. Il
software invece deve essere gestito in tutto il ciclo di vita, bisogna mappare
e ridurre il rischio per essere in regola con la normativa»
. Microsoft
ha poi attivato una iniziativa con Kpmg che prevede una visita alle aziende
alle quali viene offerta un'analisi del Sam con il check up del sistema informativo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here