Alla Design Week con il cognitive computing

IBM Watson

Nel corso della Design Week di Milano diverse aziende dell'IT presenteranno al pubblico dei visitatori alcune delle loro soluzioni, variamente collegate ai temi chiave della manifestazione: design, creatività, innovazione.

Tra le aziende con la maggiore presenza distribuita nei vari luoghi della manifestazione milanese si segnala IBM, che alla Design Week dà inizio a IBM Watson Summit 2017.

Si tratta di un evento "esteso" che avrà luogo in varie date di aprile, maggio e novembre 2017 con lo scopo di avvicinare le tecnologie cognitive al grande pubblico dei consumatori e utenti di tecnologia.

In particolare, tra il 4 e il 9 aprile IBM sarà presente al Fuorisalone nell'area Materials Village con uno spazio dedicato dove sarà possibile sperimentare i vantaggi della tecnologia IBM Watson, scoprire come costruire app arricchite dall'Intelligenza Artificiale, leggere le preferenze dei consumatori attraverso il profilo Twitter e capire la personalità degli utenti con l'analisi delle immagini condivise.

Nell'ambito della mostra/evento Materials for Smart City, poi, IBM insieme al partner Relatech presenterà la soluzione Re-Zone, che consente di misurare in tempo reale il traffico generato nei diversi punti di uno spazio espositivo. Il Materials Village ospiterà inoltre due conferenze di IBM: Watson Cognitive Build Workshop (il 5 aprile dalle 9 alle 12.30) e ll valore dell’Intelligenza Artificiale nella vita del cittadino (il 7 aprile dalle 18.00 alle 19.30).

nec-showroomPiù "localizzata" la presenza di Nec, nuovamente alla Milano Fashion Library. Questo spazio polifunzionale diventa in sostanza uno showroom NEC in cui saranno in mostra e funzionanti alcune soluzioni tecnologiche (monitor e proiettori), proprio per mostrare come possano integrarsi negli ambienti come strumenti di infotainment.

Tra i prodotti in dimostrazione si segnalano i monitor da 70 pollici MultiSync E705, i display da 46 pollici MultiSync V463 e il proiettore P502HL in tecnologia laser da 5.000 ANSI lumen.

Panasonic coglie invece l’opportunità della design week per portare la tecnologia all’interno dell’Accademia di Belle Arti di Brera con l’installazione artistica Electronics Meets Crafts. Questa installazione punta a ricreare la fascinazione esercitata dalla dimensione spaziale attraverso una concezione estetica di derivazione nipponica: la migliore tecnologia audio-video Panasonic, con 8 proiettori professionali, dispositivi di illuminazione, altoparlanti e diffusori, dà vita a uno spazio destinato a stimolare tutti e cinque i sensi, dalla vista, al tatto, all’udito, per una percezione totalizzante delle sensazioni.

L’opera è volta promuovere la visione “Future Craft” di Panasonic: secondo questa filosofia il rispetto per l’uomo e l’ambiente sono la base imprescindibile dalla quale partire per sviluppare prodotti che, grazie anche a un design innovativo e visionario, massima cura dei dettagli e una sofisticata maestria nella costruzione dei prodotti, contribuiscano alla creazione di futuro migliore per tutto il pianeta.

In tal senso, Panasonic ha anche annunciato una collaborazione con l’Accademia di Brera per lo sviluppo di prodotti che coniughino la tecnologia dell’azienda con il design italiano. Un primo esempio di sviluppo congiunto lo si può ammirare in un’area dell’installazione dove è esposto un progetto speciale sviluppato in collaborazione con gli studenti dell’Accademia ai quali Panasonic ha chiesto di elaborare idee che sfruttassero le potenzialità dell’elettronica per creare nuove forme d’arte.

Panasonic ginsa no shuki
Sembra un normale tavolo in legno, invece è un dispositivo a induzione che può scaldare o raffreddare

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here