Proteggeremo i dati sanitari con la blockchain

Medicine doctor hand working with modern computer interface as medical concept

La grande idea è che in futuro i pazienti possiedano e controllino i propri dati sanitari in un sistema decentralizzato, dove i dati sono protetti da blockchain.

Il sistema, in caso di successo, comporterebbe un grande cambiamento per il modo in cui oggi vengono trattati i dati sanitari, spesso accessibili solo ai medici e agli ospedali, e dove i pazienti devono fare richieste speciali per avere una copia della propria cartella clinica.

Inoltre, i dati di oggi non sono facilmente condivisi tra i medici. Ciò significa che i pazienti che visitano un nuovo medico dovranno spesso ripetere nuovamente la loro storia medica o spiegare i loro disturbi attuali.

Blockchain per le cartelle cliniche

Proof Work è la startup israeliana che sta lavorando a questo obiettivo per rendere più semplice il sistema.

L'azienda sta costruendo strumenti che permetteranno alle aziende sanitarie di mettere le loro applicazioni e servizi sulla blockchain, così come uno strumento, probabilmente sotto forma di un'applicazione mobile, che permetterà ai pazienti di caricare i propri dati medici su questo sistema.

In futuro, l'obiettivo è quello di permettere ai pazienti di entrare in uno studio medico con tutte le loro cartelle cliniche già sullo smartphone.

Inoltre, i pazienti, non i medici, dovrebbero arrivare a decidere cosa succede ai loro dati registrato.

Oggi i medici faranno firmare ai pazienti consensi per consentire loro di condividere i loro dati medici. In alcuni casi, ciò include la possibilità per le aziende sanitarie di vendere dati medici resi anonimi alle aziende farmaceutiche.

Con Proof Work, i pazienti potrebbero scegliere di fornire i loro dati o venderli, e le transazioni sarebbero trasparenti.

Una strada che va in direzione opposta a quella scelta dall'Italia che nella legge europea 2017 concede a Ibm i dati sanitari degli italiani per scopi di ricerca scientifica o statistici.

Il punto di partenza dell'azienda per questa idea più ampia di cartelle cliniche alimentate dalla blockchain è un'applicazione mobile focalizzata sulla non aderenza, nel senso che l'applicazione ricorderà agli utenti di prendere i loro farmaci attuali attraverso le notifiche push.

Questo non è il primo tentativo di utilizzare la tecnologia per risolvere il problema con le cartelle cliniche. Altri hanno cercato di centralizzare le registrazioni per facilitare l' accesso, tra cui Microsoft HealthVault.

Una delle sfide che comportava l'accesso al lavoro dei sistemi precedenti era che le aziende sanitarie non erano necessariamente interessate a rendere più facile per i pazienti l'accesso alle proprie cartelle cliniche. Dopo tutto, i pazienti potrebbero andare da un altro fornitore.

Ma a ProofWork sono convinti che le aziende sarebbero più disposte a partecipare al loro sistema perché avranno accesso a più dati, perché gli utenti di Proof Work possono scegliere di vendere e condividere i loro dati con loro dove sono pagati per quei trasferimenti in moneta di Proof Work.

Per questo la società sta pianificando un'Ico per creare una propria moneta che permetterà di scambiare i dati. Le compagnie di assicurazione potrebbero quindi incentivare i pazienti ad assumere i farmaci offrendo loro di pagare con la moneta.

Il piano di monetizzazione a più lungo termine è quello di prendere una piccola percentuale delle transazioni sulla sua piattaforma, compresi questi trasferimenti di dati o incentivi.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here