Datacore: quando la virtualizzazione si sposta allo storage

Solo così, secondo la società, si possono realizzare i complessi progetti di virtualizzazione di decine di server e di migliaia di desktop che oggi stentano a realizzarsi in pieno.

Portare le funzionalità di gestione dello storage e le prestazioni di classe enterprise anche negli ambienti aziendali di medie e piccole dimensioni. E' questo l'obiettivo che storicamente si è posta DataCore Software e che ha confermato anche con il rilascio della nuova release di SANsymphony-V, dove l'ultima lettera, manco a dirlo, sta naturalmente per virtualizzazione.

“Solo con la reale virtualizzazione dello storage si possono realizzare i complessi progetti di virtualizzazione di decine di server e di migliaia di desktop che oggi stentano a realizzarsi in pieno”, afferma George Teixeria, presidente e Ceo di DataCore Software che sostiene come tutte le ricerche effettuate nel corso del 2010 dichiarano che in realtà solo il 20% dei progetti di virtualizzazione riesce a essere completato in pieno, così come solo il 20% dei server operativi a livello mondiale è stato finora virtualizzato.

Il vantaggio di realizzare la virtualizzazione dello storage unicamente grazie a una soluzione software ha molteplici aspetti, sostiene Marco Frigerio Regional Manager per l'Italia di DataCore: “Prima di tutto assicuriamo una totale indipendenza da qualsiasi architettura hardware di tutti i vendor del settore, inoltre possiamo implementare il riuso di sistemi a disco già operativi presso i data center dei clienti, facendo lavorare insieme, per esempio nell'implementazione della replicazione sincronizzata, sistemi a dischi di diversi vendor anche con performance diverse”.
SANsymphony-V, inoltre è utilizzabile con tutti i sistemi operativi più diffusi, tranne quelli dei mainframe e degli AS/400 di IBM, e i principali hypervisor.
“Nelle nostre architetture i nodi sono sempre attivi così che uno possa subito sostituire l'altro in modo immediato in caso di caduta, mentre i server identificano l'ambiente di storage come un unico disco virtuale”, racconta Teixeria.

Come detto l'obiettivo di DataCore è quello di rendere accessibile anche alle piccole e medie imprese le stesse funzionalità sofisticate di fascia alta che assicurano prestazioni di gestione molto elevate. Di conseguenze le caratteristiche operative di SANsymphony-V parlano di: thin provisioning, protezione continua dei dati, bilanciamento del carico di lavoro, caching ad alta velocità e mirroring sincronizzato, per citare solo le principali.
Su tutte spicca l'assenza della deduplicazione spiegata con un semplice motivo di costi: “La deduplicazione dei dati è nella maggior parte delle volte una soluzione che certo porta a dei benefici in termini di spazio occupato, ma a costi del tutto ingiustificati - spiega Texeira - un nostro cliente per esempio ha investito oltre 150.000 dollari per implementare con efficacia questa funzionalità e ha ridotto la sua capacità di storage da 8 a 2 TB, il risultato è più che ottimo, peccato che il costo dei 6 TB mancanti è di qualche migliaio di dollari... e allora dove è il vantaggio della deduplicazione”?

In un periodo come l'attuale, secondo DataCore le aziende si mantengono concentrate nella ricerca di soluzioni che incidano pesantemente sui costi di gestione delle infrastrutture It e quindi anche le scelte sulle tecnologie da mettere in esercizio devono rispondere a queste strategie. Ecco perchè la disponibilità di funzionalità tipicamente integrate solo in costosi sistemi high end oggi viene molto apprezzata dai clienti DataCore anche italiani: “L'80% delle nostre installazioni è inferiore ai 4 TB, ma questo non significa che dal punto di vista delle prestazioni molti di questi progetti non possano considerarsi comunque di prim'ordine”, afferma Frigerio.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here