Dalla chimica ai biocarburanti, il Sud Est asiatico pensa al dazio zero

Come vendere e produrre nei Paesi emergenti dell’Asia meridionale, verso un mercato sempre più a libero scambio: il punto di Assolombarda per le imprese italiane

Con l'obiettivo di azzerare tutte le barriere doganali nel 2015, i Paesi del Sud Est asiatico stanno affilando le armi per competere sui mercati internazionali. L'area di libero scambio dell'Asean (Associazione delle Nazioni dell'Asia Sud-orientale) è ancora incompleta, ma già offre molte opportunità per gli investimenti delle aziende straniere, in previsione di una rete commerciale estesa ad altri Paesi dell'area. Non solo la Cina, impegnata a rafforzare l'import-export con l'Asean, ma anche l'Australia e la Nuova Zelanda, che pensano di ridurre in modo consistente i dazi entro il 2016. Gli Stati del Sud Est asiatico, tra cui Cambogia, Filippine, Malesia, Indonesia, Thailandia e Vietnam, vantano consumi interni in rapida crescita, soprattutto nelle megalopoli con diversi milioni d'abitanti (pensiamo a Jakarta o Bangkok). Ecco perché molte imprese italiane hanno già avviato la produzione in questa zona geografica, o stanno valutando i vantaggi e svantaggi di un investimento diretto nell'Asia meno nota di Cina e India, ma altrettanto promettente.

Settori 1/Chimica
Il Gruppo Bozzetto è una multinazionale attiva in 50 Paesi, specializzata nei prodotti chimici per diversi settori (soprattutto il tessile e l'edilizia). Su un fatturato 2009 pari a 92 milioni di euro, l'Asia conta il 14% delle vendite totali, seguita a brevissima distanza dalla Turchia e dal Medio Oriente (13%). Il Vecchio Continente continua a essere il mercato di riferimento (19% l'Italia e 46% il resto d'Europa), ma il peso delle nazioni orientali è destinato ad aumentare, come ha spiegato Roberto Fustinoni, product manager della chimica tessile. Difatti l'azienda è già presente in Indonesia con un proprio stabilimento produttivo a Bandung; dal 2004 le vendite della filiale indonesiana sono balzate del +700% arrivando a 3,3 milioni di euro alla fine del 2009. Dal 2008, lo stabilimento ha iniziato a esportare nei Paesi limitrofi (Vietnam, Sri Lanka, Bangladesh, Pakistan, India). Nel 2009, le vendite fuori dell'Indonesia hanno raggiunto il 30% del fatturato complessivo. Tra le prospettive future di Bozzetto in Indonesia, c'è l'ampliamento del mercato interno (soprattutto a Jakarta) e dell'export verso altri Stati Asean. L'azienda, inoltre, cercherà di sviluppare le competenze tecniche del laboratorio indonesiano, per assicurare l'assistenza a tutti i suoi clienti, senza passare dal centro di ricerca italiano.

Settori 2/Biocarburanti
L'energia è un altro settore rilevante per lo sviluppo economico indonesiano, soprattutto le biomasse. Dal 2015 l'Indonesia sarà il primo produttore mondiale di olio di jatropha, con una resa di 12/15 milioni di tonnellate. È una pianta tropicale tossica, che nelle migliori condizioni ambientali può assicurare fino a undici mesi di raccolto continuo e una longevità di 40/50 anni. L'olio di jatropha è di tipo industriale (essendo incommestibile, non è in competizione con gli usi alimentari, come l'olio di palma), adatto a essere utilizzato nel biodiesel o negli impianti di cogenerazione per produrre elettricità e biogas. L'Indonesia può diventare un vasto bacino di coltivazioni energetiche, rispondendo alla crescente richiesta europea di carburanti ecologici. Inoltre si può creare un circolo virtuoso con le popolazioni locali: gli agricoltori vendono i semi della jatropha, da cui si ricava l'olio da esportazione più la materia prima per alimentare impianti di cogenerazione.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here