Da Toshiba un Tablet Pc con architettura Centrino

Il nuovo Portégé M200 possiede un Pentium M a 1,6 GHz, uno schermo Lcd con risoluzione 1.400 x 1.050 pixel e un chip grafico Nvidia GeForce Fx Go5200 con 32 MB di Ram video. L’autonomia supera le 4 ore. Ma il sistema operativo rimane in inglese

21 novembre 2003 Toshiba torna
a far parlare di sé sul fronte mobile. E lo fa presentando il Portégé
M200
, un interessante Tablet Pc che si contraddistingue per una serie
di caratteristiche che sfruttano in modo sempre più puntuale le opportunità
offerte dal sistema operativo Windows Xp Tablet Pc Edition. Ma a caratterizzare
il nuovo dispositivo troviamo anche diverse scelte hardware, che rappresentano
una novità per la gamma Tablet della società giapponese.


Evoluzione del modello 3500, il Portégé M200 basa infatti il suo
funzionamento sull'architettura Centrino di Intel. Più in dettaglio, possiede un
processore Pentium M da 1,6 GHz con front side bus a 400 MHz, hard disk da 60 GB
a 5.400 giri e un display Lcd Tft al polisilicio da 12,1 " in grado di
visualizzare una risoluzione di 1.400 x 1.050 pixel. Della gestione della
grafica si fa carico un chip Nvidia GeForce Fx Go5200 con 32 MB di Ram video
Ddr.


Molto ampia la possibilità di scelta in termini di interfaccia di connessione
sia sul fronte wired (adattatore di rete 10/(100 Ethernet, modem V.90 e tre
porte Usb 2.0) sia su quello wireless (Lan 802.11b, Bluetooth e Fast Infrared).
Da evidenziare è la presenza di una sensore che Toshiba chiama "accelerometro a
doppio asse" il quale monitorizza continuamente la posizione del Tablet e in
funzione di questa può attivare automaticamente una serie di funzioni. Per
esempio può muovere il cursore in direzioni specifiche se il Portégé M200 viene
inclinato a destra o a sinistra oppure può passare dalla visualizzazione
landscape a quella portrait se il computer viene ruotato.


Toshiba sottolinea come questo tipo di dotazione hardware non penalizzi la
macchina in termini di autonomia. Anzi, dichiara che il nuovo Tablet trae
beneficio dalla presenza dell'architettura Centrino e arriva addirittura ad
avere un valore nominale di autonomia che sfiora le 4 ore e mezza.


Dal punto di vista software, la novità più di spicco è la presenza
dell'utility OneNote 2003 di Microsoft, rilasciata di recente assieme all'ultima
versione di Office.


Il limite maggiore del nuovo Portégé M200, ma questo vale per i Tablet in
generale, è il fatto che il sistema operativo è ancora in inglese e che con
tutta probabilità, per offrire la massima compatibilità, anche la versione
installata di OneNote sarà in inglese. Ciò non dipende da Toshiba ma da
Microsoft che non sembra renderà disponibile la versione localizzata di Windows
Xp Tablet Pc Edition prima della prossima estate. Se da una parte questo aspetto
ha un'importanza marginale per chi acquista un Tablet per 2vestirlo" con un
applicativo ad hoc, diventa invece basilare per chi vorrebbe sfruttare appieno
le caratteristiche del sistema operativo, come il riconoscimento della
scrittura. E questo è sicuramente l'elemento che principalmente sta contribuendo
a relegare i Tablet a uno share di mercato a livello italiano non superiore al
2% sul totale dei notebook venduti.


Portégé M200 sarà disponibile dalla seconda metà del prossimo mese di
dicembre a un prezzo di listino di circa 2360 euro più Iva. Dal prossimo gennaio
2004 Toshiba metterà inoltre in commercio una nuova docking station, la Tablet
Multi Dock, che permetterà di usare il Portégé M200 come un desktop cui
collegare tastiera e mouse o di connettere un Lcd aggiuntivo per avere una
visualizzazione multidisplay.
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here