Da Emerson Network Power a Vertiv, e con un nuovo Ceo

Dopo aver pianificato, lo scorso aprile, lo spin off della propria Network Power division che, nei piani, avrebbe dovuto cambiare nome da Emerson Network Power a Vertiv, Emerson ha ceduto per 4 miliardi di dollari a Platinum Equity un business destinato a diventare una pietra miliare nel portafoglio della società internazionale di investimenti, che sembra facesse gola anche a Siemens.

Intenzionata come già altre note realtà del settore Ict prima di lei a focalizzarsi su più mirate opportunità di crescita e reddittività nei propri mercati di riferimento, Emerson ha, comunque, conservato una partecipazione di minoranza nella società, la cui acquisizione, soggetta alle consuete approvazioni normative, dovrebbe concludersi entro fine anno.
Non a caso, stando a un articolo apparso su Bloomberg, nonostante i 3,8 miliardi di dollari in acquisizioni investiti dal 2000 a oggi nella propria divisione, proprio i risultati portati a casa da Emerson Network Power sarebbero stati i meno redditizi per Emerso che, ceduto il business a Platinum Equity, dovrebbe veder crescere i propri margini di profitto tra il 16 e il 19 per cento.
Da qui la “nascita” di Vertiv quale produttore internazionale di tecnologie infrastrutturali critiche per le applicazioni vitali nei datacenter, nelle reti di comunicazione e in ambienti commerciali e industriali.

A guidare la nuova società indipendente dopo la vendita a Platinum Equity, sarà Rob Johnson, già partner operativo di Kleiner Perkins Caufield & Byers e forte di un’esperienza decennale spesa all’interno di American Power Conversion, alla quale, nel 1997, lo stesso Johnson ha ceduto Systems Enhancement Corporation, società nata per creare innovative soluzioni software e hardware per il settore dei sistemi statici di continuità.
Conoscitore della tecnologia in tutti i suoi aspetti, a lui è affidato il compito di guidare il passaggio alla nuova proprietà per realizzare le potenzialità di Vertiv che, come società indipendente, sarà libera di muoversi più rapidamente, come una startup, focalizzandosi su soluzioni innovative per i clienti, tra cui cloud computing, mobile e Internet of Things.

Come sottolineato nel video aziendale già localizzato anche in italiano, Vertiv capitalizzerà il vasto portfolio di offerte di prodotti e servizi per sistemi di gestione elettrica, termica e It offerti in precedenza come Emerson Network Power, tra cui i marchi ASCO, Chloride, Liebert, NetSure e Trellis.
Meno pubblicizzato ma implicito il ricorso nel breve e lungo termine alle risorse di M&A e operative di Platinum Equity per sostenere la crescita e l’innovazione dei prodotti di Vertiv, anche attraverso ulteriori potenziali acquisizioni.
I numeri parlano chiaro: con sede centrale a Columbus, Ohio, Vertiv conta più di 20mila dipendenti e oltre 25 sedi produttive e di assemblaggio in tutto il mondo per offrire anche soluzioni per il risparmio di energia sostenibilità anche grazie a oltre 255 centri di servizio in tutto il mondo, più di 3.000 tecnici di assistenza sul campo e oltre 400 risorse dedicate a supporto tecnico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here