Creative Aurvana Trio, la qualità del suono prima di tutto

Per parecchi anni, il marchio Creative è stato un punto di riferimento per l'audio dei personal computer e le schede Sound Blaster hanno rappresentato una sorta di standard del settore. Creative ha sempre operato nel mondo dell’audio, ampliando la propria offerta anche oltre il Pc, ma l’evoluzione tecnologica, e anche qualche scelta strategica non proprio azzeccata, hanno portato l’azienda, in tempi più recenti, a rivestire un ruolo di secondo piano rispetto al passato. Però quello che ha sempre contraddistinto Creative è la qualità dei propri prodotti, una qualità che ritroviamo anche negli auricolari in-ear Aurvana Trio, che l’azienda non esita a definire per audiofili.

Un suono ibrido con tre driver

In effetti, il progetto alla base di questi auricolari li pone a un livello superiore rispetto alla media. Sono infatti dotati di un sistema di riproduzione del suono ibrido a tre driver: un tweeter e un mid-range entrambi con armatura bilanciata e un woofer dinamico da 10 mm in bio-cellulosa. L’obiettivo è riprodurre un audio nitido e fedele in tutto lo spettro sonoro (da sottolineare che la risposta in frequenza va da 5 Hz a 40 kHz).

Aurvana Trio
Per la riproduzione dell'audio, gli Aurvana Trio usano un tweeter (elemento dorato in alto), un mid-range (elemento argentato) e un woofer (elemento contornato da un cerchio azzurro)

Obiettivo, diciamolo subito, che gli auricolari raggiungono egregiamente, comportandosi adeguatamente su ogni gamma di frequenza. Gli alti sono presenti ma non invadenti, i medi ben delineati e i bassi si fanno sentire. Se poco o tanto dipende dai gusti: per noi, in alcune occasioni risultano un po’ accentuati, tuttavia il trend è avere bassi ben evidenziati e quindi gli estimatori della timbrica calda apprezzeranno particolarmente questa caratteristica. Comunque, non si tratta mai di una colorazione eccessiva del suono e l’ascolto è sempre piacevole.

Difficile trovare un genere musicale che possa mettere in reale difficoltà le Aurvana Trio e, anche quando ascoltate al massimo livello di volume, non sembra proprio siano in grado di introdurre distorsioni. Forse, a essere pignoli, ci è sembrato che prediligano il pop, il rock o l’hip hop alla musica classica. Ma è un peccato veniale e comunque è un’opinione molto personale, che non modifica il giudizio sulla qualità sonora.

Valore al primo impatto

Curati la costruzione e i materiali impiegati. Ma anche la confezione, a sottolineare che già il primo impatto è volto a conferire immediatamente un senso di valore del prodotto.

Aurvana Trio Cavo
Il cavo può essere staccato dagli auricolari per essere eventualmente sostutuito

Il cavo è intrecciato, per evitare eventuali interferenze, ma un po’ favorisce gli aggrovigliamenti quando si ripongono gli auricolari Aurvana Trio dopo l’uso. Può essere staccato dagli auricolari, consentendo, se si dovesse rendere necessario, una facile sostituzione. Lungo il cavo che porta l’auricolare destro c’è un piccolo telecomando (dall’aspetto un po’ troppo economico rispetto al resto degli auricolari) composto da un microfono e da un tasto. Se da un lato il microfono consente di avere una buona qualità della voce, aspetto apprezzabile quando si deve rispondere al telefono mentre si indossano gli Aurvana trio, dall’altro lato la presenza di un unico tasto limita molto le possibilità di utilizzo: i brani possono solo essere messi in pausa o riavviati. Non è nemmeno consentito regolare il volume.

Accessori: lo stretto indispensabile

Un prodotto di questo tipo, che viene venduto a 150 euro, ci si aspetterebbe fosse affiancato da una dotazione piuttosto ricca. Invece Creative ha deciso di includere nella confezione “solo” un adattatore per l’uso in aereo, tre coppie di gommini in silicone e una in schiuma. Siccome il posizionamento degli auricolari sulle orecchie è un fattore determinante per la qualità dell’ascolto, un altro paio di gommini in schiuma di dimensioni differenti non avrebbe stonato. Soprattutto perché i gommini in schiuma sono quelli che si adattano meglio alla conformazione dell’orecchio e quindi permettono più facilmente di raggiungere l’isolamento dall’ambiente circostante, che Creative assicura possa arrivare fino al 98% assicurato. Da sottolineare comunque che, nonostante i tre driver, gli auricolari sono molto leggeri e l'uso prolungato non crea fastidi.

Aurvana Trio custodia
In dotazione una piccola custodia rigida per il trasporto degli auricolari

Vista la qualità del prodotto, non sarebbe stato male prevedere un adattatore per poter collegare gli Aurvana Trio all’impianto hi-fi (il cavo di 1,2 m conserte una certa libertà di movimento). È invece presente una custodia rigida per il trasporto.

La qualità costruttiva e un'accurata riproduzione del suono rendono gli Aurvana Trio una scelta da considerare. Il costo di 150 euro li colloca in una fascia di prezzo di una certa importanza ma i concorrenti con le medesime caratteristiche sono venduti a prezzi decisamente superiori e questo rende gli auricolari di Creative molto competitivi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here