Consumer e aziende, così la pensa Iomega

Dicembre 2005, Spiegarsi in maniera semplice. Iomega vuole che il proprio messaggio sia se rivolto ai dealer, sia quando indirizzato al cliente finale, sia facilmente recepibile. E i mezzi che mette in atto per raggiungere l’obiettivo sono molteplici.

Dicembre 2005, Spiegarsi in maniera semplice. Iomega vuole che il
proprio messaggio sia se rivolto ai dealer, sia quando indirizzato al cliente
finale, sia facilmente recepibile. E i mezzi che mette in atto per raggiungere
l'obiettivo sono molteplici. Per quanto riguarda il canale, prosegue l'opera
di sensibilizzazione e di evangelizzazione, rispettivamente dei partner attivi
e di quelli che ancora con hanno rapporti col brand. «Sui nuovi potenziali
partner, stiamo facendo leva sul lato degli utenti finali, con iniziative per
generare la domanda
- spiega Ilaria Chiesa, key account manager distributor
di Iomega -. Mentre stiamo spronando il canale, in generale, a essere più
propositivo nei confronti dei clienti, grazie a un'iniziativa di raccolta punti
che Ingram Micro ed Esprinet stanno rivolgendo
ai propri dealer»
.

Niente a che fare con Io Club, il programma di canale del vendor che, a oggi,
conta circa 1.100 dealer iscritti. «Su questo fronte stiamo dando
una "ripulita" alla lista dei rivenditori, tenendo solo quelli realmente
attivi, e proseguiamo proponendo promozioni appetibili e premi allettanti»
.
Le informazioni ai clienti, invece, vengono date direttamente dal packaging,
quando si tratta di consumer, oppure dal dealer, quando l'utente è aziendale.
«In quest'ultimo caso
- conclude Chiesa -, abbiamo necessità
di avere dei dealer competenti e ben introdotti nel mercato»
.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here