Con Vipre 5.0, Gfi snellisce l’antivirus

L’utilizzo di un nuovo e unico engine ha permesso di limitare l’utilizzo di risorse e ha reso più veloce e semplice l’installazione. Tra le altre novità, la rimozione del software incompatibile e l’impiego di un database integrato.

Semplice, che utilizzi poche risorse e che abbia
solo le funzioni davvero utili. Nell’idea di GFI, così dovrebbe essere un
software per la sicurezza dell’impresa. E in questa direzione sono stati
sviluppati il nuovo VipreAntivirus Business 5.0 e VipreBusiness
Premium 5.0. Più però che di una “semplice” nuova versione si dovrebbe parlare
di un’evoluzione radicale dei software: questo infatti vedono l’introduzione di
un unico engine che si fa carico di gestire tutte le attività di protezione dal
malware. Il risultato, assicurano in GFI, è un applicativo “snello”, che ha
bisogno di pochissime risorse per funzionare: potrebbe girare anche su un
computer con Windows XP e 256 MB di Ram, precisa l’azienda.

Ma le novità non si fermano qui. Oltre a un rinnovo
dell’interfaccia, volto a semplificare la gestione degli endpoint, troviamo una
procedura d’installazione ancora più rapida e in grado di rimuovere eventuale
software incompatibile. Questo consente agli amministratori IT di implementare Vipre
Business in un ambiente libero da altri agent antivirus.

A ciò va aggiunto che Vipre Business elimina la
necessità di qualsiasi configurazione del database da parte degli
amministratori IT perché impiega un database integrato che accelera
ulteriormente il processo di installazione. Il personale IT può utilizzare
anche la propria istanza database Microsoft SQL.

Su tutti gli endpoint viene poi configurato e impostato
automaticamente il Firewall Windows al fine di garantire la comunicazione con
tutti gli agent Vipre implementati.

Di ogni dispositivo che viene connesso al computer
via USB è analizzato il contenuto. Tramite l’impiego dela tecnologia sandbox,
eventuali applicazioni o file di dubbia affidabilità sono fatti girare
all’interno di un ambiente virtuale per verificarne il comportamento.

Per facilitare il rispetto delle policy e della
conformità normativa, gli amministratori IT hanno completa visibilità su
qualsiasi cambiamento apportato alle impostazioni di sicurezza di Vipre
Business. Semplificata e resa più versatile anche la gestione remota.

Oltre che da virus, worm, spyware, Trojan, bot, rootkit,
Vipre Business protegge contro i virus provenienti dalle email e si integra con
tutte le soluzioni email desktop che utilizzano POP3 o SMTP, prima fra tutte
Microsoft Outlook.

La versione Premium include un firewall
bidirezionale per il controllo del traffico della rete da parte degli
amministratori; un sistema per l’Host Intrusion Prevention (HIPS) volto a monitorare
le attività sospette; il filtraggio del Web per bloccare gli URL malevoli, pubblicità,
script pericolosi e siti di phishing.

La versione in italiano
di Vipre Antivirus Business5.0 è già disponibile.
Il listino prevede la vendita di un minimo di 5 licenze, il che comporta una
spesa minima di 100 euro per VipreAntivirus Business 5.0 e di 125
euro per VipreBusiness Premium 5.0. Per l’installazione non è
necessario di un server dedicato ma la console di controllo può risiedere su un
client.

Chi volesse valutare di persona il nuovo software
può scaricare
dal sito di GFI
una versione completa del prodotto valida 30 giorni.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here